Inter-Verona 2-0 | Palacio portiere salva il risultato, lui se la ride | Video

El Trenza portero! avranno esclamato dalle parti di Bahía Blanca, la città natale di Rodrigo Palacio, in Argentina. Quando Luca Castellazzi si è buttato per deviare in angolo un pallone gli interisti hanno temuto il peggio. Stramaccioni aveva già effettuato tutti e tre i cambi e dunque non restava che affidare la guardia della porta a uno dei dieci calciatori nerazzurri di movimento. Sembrava Chivu il predestinato. Il difensore rumeno ha subito indossato i guantoni e la maglia da portiere e si è diretto verso la porta. Ma Stramaccioni ha preferito lasciare l'inconsueta responsabilità ad un attaccante, sicuramente per poter difendere meglio il 2-0 nei minuti finali.

E così la scelta è ricaduta su Rodrigo Palacio. Mancavano dieci minuti più un corposo recupero, un tempo abbastanza congruo per le speranze del Verona che cercava di riaprire la partita. Per gli scaligeri il compito si presentava teoricamente più agevole dopo l'uscita forzata di un portiere di ruolo. La formazioni di Mandorlini, tuttavia, non è riuscita a trovare la via del tiro per impensierire Palacio, complice soprattutto la comprensibile difesa abbottonatissima dei nerazzurri. Ma al 91' la palla che sembrerebbe giusta è arrivata tra i piedi di Carrozza, o meglio sulla sua testa.

Inter - Verona 2-0: le foto della partita

Inter - Verona 2-0: le foto della partita
Inter - Verona 2-0: le foto della partita
Inter - Verona 2-0: le foto della partita
Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

Il centrocampista ha deviato il pallone con il capo. La direzione era insidiosa e la palla era indirizzata alla destra di Palacio. Ma l'attaccante argentino si è buttato come un portiere navigato e ha deviato il pallone in angolo. San Siro nerazzurra è esplosa in un urlo come se fosse un gol, i compagni hanno abbracciato Palacio che ride divertito. Stramaccioni, a fine partita, scherza sull'episodio: "Palacio portiere? Ne terrò conto come alternativa", mentre Palacio, dai microfoni di Inter Channel, Palacio racconta com'è andata dalla sua visuale:

"E’ stata una grande parata, ma ero vicino a quello che tirava e l’ho presa. Ho sbagliato due gol che potevano darci tranquillità, ma l’importante è aver vinto ed aver passato il turno. Perché sono andato io in porta? All’inizio Chivu ha detto che ci andava lui, ma il mister ha voluto uno tra me ed Alvarez. Il portiere lo avevo fatto solo da piccolo con gli amici in spiaggia, mai in partita. Il feeling con Cassano? E’ facile giocare con lui: ti guarda e mette la palla dove la vuoi”.

  • shares
  • Mail