Luciano Spalletti vola in Russia, potrebbe sedere sulla panchina dello Zenit


Lo scorso luglio erano circolate alcune voci che volevano Luciano Spalletti in trattativa con lo Zenit San Pietroburgo, il tecnico di Certaldo era ancora l'allenatore della Roma e aveva bollato come illazioni le notizie che circolavano soprattutto tra fonti di informazione russe. Sono passati tre mesi da allora, Spalletti, sostituito da Ranieri, non guida più i giallorossi e le voci a proposito dell'interessamento russo tornano alla ribalta. Questa volta però non sono solo pettegolezzi, l'italiano e lo Zenit sono vicinissimi e presto potrebbe arrivare la firma di un contratto.

Ieri l'allenatore toscano è volato a San Pietroburgo, in compagnia del suo avvocato e di Daniele Baldini, suo affezionato collaboratore, con un volo privato messo a disposizione dalla società russa. Poi c'è stato l'incontro con il ricco presidente dello Zenit e della Gazprom Aleksandr Dyukov per discutere i dettagli di un contratto milionario. Secondo alcune fonti a Spalletti sarebbe stato offerto un triennale da oltre tre milioni di euro all'anno, ma c'è chi parla anche di quattro, l'allenatore italiano avrà il compito di rilanciare le ambizioni del club già vincitore della Coppa Uefa e della Supercoppa Europea.

Attualmente lo Zenit, a sette giornate dalla fine del torneo nazionale, è terzo in classifica, ma la stagione è stata abbastanza tribolata, l'addio di Advocaat ne è la dimostrazione. Spalletti dovrebbe iniziare il suo lavoro a gennaio per preparare la squadra alla nuova stagione che inizierà il prossimo marzo. Il non facile compito di rifondazione dovrà passare necessariamente dall'acquisto di giocatori importanti, Spalletti potrà contare già su Rosina ma pare che l'ex allenatore di Roma e Udinese porterà con sé un suo personale portafortuna, quel David Pizarro che già da anni lo segue e il cui contratto con i giallorossi scadrà a giugno.

  • shares
  • +1
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: