Il match clou della settima giornata: Inter-Udinese


L'anticipo serale della settima giornata propone un interessante confronto tra l'Inter di Mourinho e l'Udinese di Pasquale Marino. I nerazzurri non attraversano un brillantissimo periodo di forma, iniziato con la sconfitta in casa della capolista Sampdoria e continuato con l'opaco pareggio in Champions League contro il Rubin Kazan. Di umore opposto la compagine friulana: con due convincenti vittorie consecutive nel proprio stadio, contro Milan e Genoa, l'Udinese si è rilanciata in classifica toccando quota 11 punti, a sole due lunghezze da Inter e Juventus e a tre dalla Sampdoria.
(Precedenti - Probabili Formazioni)

Dalle parole di Marino si percepisce una certa fiducia in vista del confronto con i campioni d'Italia: "Sì, questa potrebbe essere la partita della svolta per noi e dovremo farci trovare pronti. Questa è una partita che va preparata non bene ma benissimo, fin nei minimi particolari. Siamo in crescita, gli ultimi risultati positivi, abbinati a un miglioramento delle prestazioni, hanno aumentato l'autostima e la consapevolezza nei mezzi della squadra. Abbiamo qualche speranza in più per tentare il colpaccio anche se c'è ancora tanto da lavorare. Specialmente sotto il profilo del fraseggio dobbiamo migliorare parecchio, la manovra deve essere più fluida e veloce".

E' in ogni caso una partita difficilissima per i friulani: l'Inter ha perduto solo una delle ultime 35 partite interne ufficiali disputate (contro il Panathinaikos il 26 novembre scorso). Traspare, però, del nervosismo nelle parole di Mourinho, dovuto alle non esaltanti prestazioni della squadra:

"Maicon (squalificato, ndr) sarà sostituito da Zanetti o Santon, nessuno dei due è Maicon, ma ho fiducia in entrambi. Vieira? Io non sono mai infelice quando sento dire cose di questo tipo da un mio giocatore perché tutti vogliono giocare e vogliono giocare di più. A me questa voglia piace, ma ricordo che Patrick è stato in campo quasi 300 minuti dall'inizio della stagione e ha disputato 6 partite delle quali 3 da titolare. Balotelli? Ho parlato con lui subito dopo la gara di Kazan e l'ho fatto con sincerità. Ora è tutto finito, se è convocato e perché può giocare. Sette gare senza vittorie in Champions? Quando ci si riferisce a noi sembrano 70, quando si parla di altri sei partite senza vittorie sembrano due o tre. Se noi pareggiamo con la miglior squadra d'Europa sembra un disastro, se altri pareggiano con una squadra normale è un capolavoro."

L'Udinese, tra vecchia e nuova stagione, ha perso una sola volta nelle ultime 14 giornate di campionato: 1-3 dalla Sampdoria, il 30 agosto scorso. Nelle rimanenti 13 giornate, il bilancio bianconero è stato di 10 vittorie e 3 pareggi. I friulani non subiscono gol in campionato da 326 minuti. Sono 42 i precedenti ufficiali disputati al Meazza tra Inter e Udinese. In 25 occasioni l'Inter ha battuto i bianconeri, 11 sono stati i pareggi e 6 le vittorie dell'Udinese. La sfida dello scorso anno terminò 1-0 per i nerazzurri mentre l'ultima vittoria udinese risale alla stagione 2003-04 (2-1).

Probabili formazioni
INTER (4-3-1-2): Julio Cesar; Santon, Lucio, Samuel, Chivu; Zanetti, Cambiasso, Stankovic; Sneijder; Balotelli (o Milito), Eto'o. A disposizione: Toldo, Cordoba, Muntari, Khrin, Mancini, Suazo, Milito (o Balotelli). All.: Mourinho

UDINESE (4-4-2): Handanovic; Basta, Coda, Domizzi, Lukovic; Lodi, D'Agostino, Inler, Pepe; Floro Flores, Di Natale. A disposizione: Belardi, Felipe, Zapata, Pasquale, Sanchez, Sammarco, Corradi. All.: Marino

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: