Qualificazioni mondiali, gruppo sudamericano: Uruguay-Argentina 0-1. Maradona festeggia, uruguaiani allo spareggio contro il Costarica. L'Ecuador, sconfitto in Cile, è fuori


Piangono di gioia gli argentini dopo aver vissuto settimane di inferno. Piange come un bambino Diego Armando Maradona, abbracciato a Carlos Bilardo, il suo collaboratore mai troppo sopportato. Piange prima di insultare, per "vendetta" e senza badare alla forma, tutti i giornalisti che hanno osato criticarlo. E' l'epilogo di Uruguay-Argentina, partita povera e noiosa dal punto di vista strettamente tecnico-tattico, ma intensa per emozioni e pathos, generate dall'altissima posta in palio. (Foto) (Il Video) (Lo sfogo di Maradona)

La notizia del vantaggio cileno (il Cile è allenato dall'ex ct argentino Bielsa) ha fatto esplodere di gioia entrambe le tifoserie, perché, con la sconfitta dell'Ecuador, l'Uruguay si sarebbe assicurato almeno lo spareggio anche perdendo il match con l'Argentina, mentre agli uomini di Maradona sarebbe bastato il pareggio per la qualificazione diretta. Muslera e Romero non hanno dovuto compiere grossissime parate; il predominio territoriale è stato appannaggio degli argentini. Dall'altra parte l'Uruguay si è reso pericoloso solo in un paio di occasioni (in una di esse Lugano ha sprecato malamente).

Veron e Mascherano hanno tentato di impartire il ritmo (piuttosto lento) dell'albiceleste, mentre Messi è apparso un po' fuori dal coro. Non disprezzabile la prova di Di Maria. A cinque minuti dal termine e appena un minuto dopo l'espulsione di un impacciato Caceres, è arrivato il goal di Mario Bolatti che ha smosso dalla panchina un tesissimo Maradona. Il livello di gioco delle due squadre non è stato eccelso e l'Argentina, nervosa e imballata, non ha mostrato significativi miglioramenti rispetto alle ultime uscite. Ma contava solo vincere e passare il turno, anche se lo scetticismo verso la gestione del pibe de oro si presume perdurerà ancora a lungo. A fine partita Maradona si è sfogato, uscendo un po' fuori dai binari della compostezza:


"Voglio ringraziare solo la mia famiglia, Dalma e Giannina. Mi ricordo. E ora mi ricordo più che mai. Per coloro che non hanno creduto in me, che mi hanno trattato come spazzatura. Oggi siamo al Mondiale. Senza aiuto e con onore e battendo una grande nazionale. Mi ricordo, fratello, come mi hanno trattato certe persone. E, con le scuse alle loro signore, adesso dovranno succhiare..."


Tabellino
(Classifica Finale Gruppo Sudamericano)

URUGUAY 0 X 1 ARGENTINA

Estádio: Centenário, Montevidéu (URU)

Árbitro: Carlos Amarilla (PAR)

Cartões amarelos: Maxi Pereira, Pérez, Cáceres, Scotti (URU); Heinze, Otamendi (ARG)

Cartão vermelho: Cáceres, 37'/2ºT (URU)

GOL: Bolatti, 38'/2ºT

URUGUAY: Muslera, Scotti, Lugano e Cáceres; Maxi Pereira, Pérez, Gargano (Cristian Rodríguez, 26/2ºT), Jorge Rodríguez (Cavani, 13'/2ºT) e Álvaro Pereira; Suárez (Abreu, 32'/2ºT) e Forlán. Técnico: Óscar Tabárez.

ARGENTINA: Romero, Otamendi, Schiavi, Demichelis e Heinze; Gutiérrez, Mascherano, Verón e Di María (Monzón, 30'/2ºT); Messi (Tevez, 40'/2ºT) e Higuaín (Bolatti, 34'/2ºT). Técnico: Maradona.

Altri risultati
Peru-Bolivia 1-0 (Fano)
Brasile-Venezuela 0-0
Cile-Ecuador 1-0 (Suazo)
Paraguay-Colombia 0-2 (Ramos, Rodallega)


Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)

Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
Le foto di Uruguay-Argentina (0-1)
  • shares
  • +1
  • Mail