Cristiano Ronaldo non rinnova con il Real Madrid: PSG e Manchester United drizzano le orecchie

C'è aria di divorzio tra Cristiano Ronaldo e il Real Madrid, il portoghese in non è felice con la camiseta blanca e ha ormai deciso di voler cambiare aria, magari per tornare alle origini, a quel Manchester United mai dimenticato. Il quotidiano spagnolo As riferisce che si complica la trattativa per il rinnovo contrattuale dell'attaccante che, stando così le cose, dovrebbe lasciare la Real casa nel 2015. Il giocatore già ad inizio stagione aveva espresso il suo malumore, sperava che le sue lamentele avrebbero portato ad un cambiamento, ma in questi mesi se possibile le cose sono peggiorate tanto da convincerlo a fare le valigie. Non aiuta il terribile momento che sta passando il suo connazionale e allenatore José Mourihno, un altro che a fine anno dovrebbe salutare tutti, senza troppi rimpianti da entrambe le parti.

Secondo As Cristiano Ronaldo avrebbe già comunicato alla società la decisione di non accettare nessuna proposta di rinnovo, aspetterà la scadenza del contratto nel 2015, a meno che il club non trovi un acquirente la cui offerta possa essere ritenuta soddisfacente. Il Real dal canto suo ha ribadito l'incedibilità del giocatore e proverà una nuova manovra di persuasione in estate quando proporrà un prolungamento del matrimonio fino al 2018 con un ingaggio netto aumentato di quasi 5 milioni di euro annui, passando così dagli attuali 10 milioni a stagione a sfiorare quasi i 15. Pare però che non basteranno e il giocatore sta già guardandosi intorno alla ricerca di una nuova sistemazione, per carità non che manchino le squadre che lo accoglierebbero a braccia aperte, non sono molte però quelle in grado di potersi permettere il suo ingaggio ma soprattutto quelle in possesso del contante sufficiente a convincere il Real Madrid a lasciarlo partire.

Così la lista delle pretendenti di fatto si limita a sole due squadre, il Paris Saint-Germain e il Manchester United. I francesi hanno manifestato il loro interesse per il campione da un po' di tempo, Saund Bin Abdulrahman Al-Thani, presidente del comitato olimpico del Qatar e braccio destro del proprietario del club francese, ha chiaramente fatto sapere che tanto CR9 quanto José Mourinho sono i due obbiettivi principali del prossimo mercato estivo. Dall'altro lato c'è invece Sir Alex Ferguson e lo United che riabbraccerebbero volentieri il figliol prodigo portoghese che ha lasciato la Premier League quattro anni fa dopo la cifra monstre pagata dagli spagnoli. La soluzione inglese sarebbe quella preferita dal giocatore come rivelato dal suo ex compagno di squadra Patrick Evra: "Sono in contatto con Cristiano e parliamo molto spesso, ama lo United e mi chiede spesso della squadra. Con il Real Madrid ha fatto cose incredibili e battuto ogni record possibile, nonostante ciò non gli viene mostrato il rispetto che merita".

I tifosi dei Red Devils potranno mostrare tutto il loro amore per il portoghese in occasione degli ottavi di finale di Champions League quando con il suo Real Madrid sarà di scena all'Old Trafford, un'occasione in più per valutare ancora meglio il suo futuro. Gli spagnoli invece si trovano ora davanti ad un bivio: possono restare irremovibili nella loro decisione di non cedere il giocatore, rischiando di perderlo nel 2015 a parametro zero, oppure cambiare idea e valutare le offerte che arrivano dalla Francia e dall'Inghilterra per cercare almeno di ricavare il più possibile dalla sua cessione. Di sicuro una scelta non facile, di sicuro si proverà a lavorare sul rinnovo, almeno fino a quest'estate, se la trattativa non dovesse andare a buon fine a quel punto ogni scenario sarebbe plausibile.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail