L'Inter ci casca ancora: due giornate di squalifica a Ranocchia per proteste

Dopo pranzi e banchetti, il buon Gianpaolo Tosel ha smaltito il Natale e le sue tavolate e ha reso note le squalifiche inerenti all'ultimo turno di campionato e da scontare, come ovvio, nei prossimi. Leggendo la lista di chi sarà fermato il 6 gennaio, spicca senza dubbio il nome di Andrea Ranocchia, difensore dell'Inter che contro il Genoa nella partita del 22 dicembre fu solo ammonito: vero, era alla quarta ammonizione e così è scattata l'ovvio turno di fermo, ma a far notizia sono le due, e non una dunque, giornate di squalifica, più multa annessa.

Ben 10mila euro di multa e due giornate di squalifica "per avere, al termine della gara, contestato l'operato arbitrale rivolgendo al Quarto Ufficiale un'espressione provocatoria", oltre che, come detto, "per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quarta sanzione)". Una vera e propria iattura per Andrea Stramaccioni, il tecnico dell'Inter che già nel recentissimo passato aveva dovuto fare a meno di due suoi giocatori per proteste a partita finita: Cassano contro il Cagliari e Guarin contro la Lazio, un vizio a cui alla Pinetina dovranno metter freno.

Di seguito il resto degli squalificati:

Calciatori espulsi:
Emanuele Calaiò (Siena), Marquinhos (Roma), Davide Astori (Cagliari).

Calciatori non espulsi:
Francesco Pisano (Cagliari), Andrea Bertolacci (Genoa), Carlos Emilio Carmona (Atalanta), Stephan Lichtsteiner (Juventus), Philippe Mexes (Milan), Matias Munoz (Palermo), Diego Perez Aguardo (Bologna), Giampiero Pinzi (Udinese), Gonzalo Rodriguez (Fiorentina), Roberto Soriano (Sampdoria), Jaime Valdes (Parma).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: