Calciopoli, intercettazioni Meani-Collina e Cellino-Bergamo


Tra le telefonate uscite soltanto in questi giorni e ignorate nel processo di Calciopoli, ce n'è anche una tra l'ex dirigente del Milan addetto agli arbitri Meani e Pierluigi Collina. L'attuale designatore riceve una telefonata da Meani e parla con lui delle alte sfere milaniste; precisamente di Galliani, soprannominato da Meani "Brontolo". Anche in questa intercettazione emerge chiaramente come non fosse solo il dirigente minore Meani ad avere rapporti con Collina, ma che anche Galliani stesso, dirigente con "potere di firma" e presidente delle Lega, lo sentisse per motivi ancora non del tutto chiari ai più.

Anche quattro anni fa venne pubblicata una telefonata tra Meani e Collina nella quale i due si confrontavano per organizzare un incontro lontano da occhi indiscreti con Galliani, ma tutti i protagonisti della vicenda dissero inseguito che quell'incontro non ebbe luogo, senza però chiaramente poter dimostrare il contrario (Ascolta la Telefonata). Adesso arriva la conferma che Galliani e Collina, arbitro in attività, quanto meno parlassero al telefono tra loro. Probabilmente Collina voleva incontrare Galliani per ottenere il suo appoggio nella corsa per la nomina a designatore, benché a sentire l'intercettazione tra Bergamo e Galliani uscita in questi giorni, il dirigente rossonero sembrava essere soddisfatto del lavoro svolto dai vecchi designatori.

Meani: «Ti prometto che quando diventerai designatore non ti chiamo più...»
Collina: «Dai ah ah ah»
Meani: «Mi ricorderò sempre che quando avevamo posto il veto a Pisacreta l'unico che mi ha chiamato per dirmi che sbagliavamo è stato lui, Brontolo...»
Collina: «Va buono dai, ho provato a chiamarlo ma da una parte è staccato, il cellulare è staccato, all'altra probabilmente la segretaria non c'è...»
Meani: «Il massimo sai cos'è? Che lui va a San Siro assieme all'altro, il peggiore con cui trattare è lui, no perché a lui non va bene niente, fuori qui, su, giù, chi sono questi, chi è quest'altro...sono tutti i casini che fa, poi è cattivo come l'aglio... gli allenatori fan casino e lui li manda via...è micidiale capito?»
Collina: «No ti dicevo ho chiamato il capo...»
Meani: «Sì, il grande capo»
Collina: «Ma il cellulare era staccato, segreteria, invece quello dell'ufficio diretto ti passava il centralino, io tramite il centralino preferivo evitare per cui...»

In questa telefonata invece il protagonista è il presidente Cellino del Cagliari che chiama Bergamo per prendere con lui un'aperta posizione contraria alla possibilità che Collina resti ad arbitrare un anno di più oltre i "limiti di età", e per comunicare anche di non sentirsi entusiasta nemmeno all'idea di vederlo designatore al posto proprio di Bergamo e Pairetto perché i due, secondo il presidente rossoblu, stavano "lavorando bene". Fatto curioso è che proprio Cellino è uno dei testimoni dell'accusa nel processo di Napoli nel quale sono imputati i due ex designatori oltre a Luciano Moggi ed Antonio Giraudo.

Cellino: "Sono contrario a dare un anno di proroga a Collina, perché sono contrario, non perché lo voglio designatore, perché per me personalmente e la pagherò questa mia dichiarazione, è una persona che non mi fa impazzire, e anche come arbitro ha culo, ma non mi fa impazzire, è uno molto fortunato ma non mi fa impazzire... Lascialo andare in Inghilterra, cosa me ne frega se va in Inghilterra...Mi segue?."
Bergamo: "Sì sì."
Cellino: "Noi facciamo la figura degli imbecilli che andiamo a difendere Totti quando sputa in faccia a uno, se io fossi il Presidente Federale, Totti non lo faccio più convocare in Nazionale dopo che mi ha fatto fare una figura di m***a... Collina non vuol fare... Vuole la proroga? E vada in Inghilterra vada in Giappone... Ma vai dove c***o vuoi... Paparesta è arbitro di livello, Collina gli pulisce le scarpe...."
Bergamo: "Vedo che capisce...eh...."
Cellino: "Ad ogni modo ho avuto piacere di chiamarla perché state lavorando bene...."
Bergamo: "Mi dispiace per domenica ma Tombolini... (si riferisce all'arbitraggio contestato di Milan-Cagliari, ndr)."
Cellino: "È stato sfortunato, ha avuto sfiga..ma adesso..va beh... lavorate bene e stia tranquillo, fate bene il vostro lavoro come avete fatto fino ad oggi.... "

  • shares
  • +1
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: