Francesco Totti multato, ammende anche per Lazio e Roma

francesco totti

Il giudice sportivo ha deciso di punire Francesco Totti con una multa di 20.000 euro, il capitano della Roma sconta in questo modo il gesto dei pollici in giù che tanto aveva fatto infuriare i laziali, tanto da far invocare da Edy Reya una esemplare squalifica di dieci turni. Invece per il giallorosso c'è soltanto una sanzione pecuniaria che sicuramente farà storcere il naso a molti. La passa liscia il laziale Radu, mentre anche alle società è stata inflitta una multa.

Radu dopo il fischio finale aveva sgambettato Perrotta, il gesto però non è stato ritenuto da Gianpaolo Tosel degno di una squalifica. Si è trattato insomma di un atto "del tutto gratuito e idoneo a provocare istintive e pericolose reazioni", resta pur sempre uno sgambetto privo però di "quell'inequivoca intenzionalità lesiva" tale da giustificare una punizione da parte degli organi di giustizia, né tanto meno può rientrare nei casi per i quali è previsto l'uso della prova TV. Peggio è andata invece a Ledesma: il centrocampista biancoceleste, espulso durante la gara, è stato squalificato per due turni. Multa di 8.000 euro anche per Mauro Zarate, per aver scagliato, alla fine della partita, il pallone verso gli avversari colpendone uno alla schiena.

Lazio - Roma 1-2: Le Foto del Derby
Lazio - Roma 1-2: Le Foto del Derby
Lazio - Roma 1-2: Le Foto del Derby
Lazio - Roma 1-2: Le Foto del Derby
Lazio - Roma 1-2: Le Foto del Derby

Lazio - Roma: Scontri sugli spalti
Lazio - Roma: Scontri sugli spalti
Lazio - Roma: Scontri sugli spalti
Lazio - Roma: Scontri sugli spalti
Lazio - Roma: Scontri sugli spalti



Uguale la sanzione comminata alle due società, le intemperanze dei tifosi sono costate 40.000 euro a testa. Le motivazioni sono quelle ben note e cioè esplosione di numerosi petardi, lancio di fumogeni, sfondamenti di cordoni di sicurezza. L'impressione è che il giudice sportivo sia stato abbastanza tenero. Sempre restando in tema tifosi, va segnalata anche l'ammenda di 8.000 euro all'Inter per l'esposizione di uno striscione offensivo nei confronti di un ufficiale di gara e per l'accensione di un bengala, nessun accenno ai cori razzisti riservati al bianconero Mohamed Sissoko in occasione della sua espulsione.

  • shares
  • +1
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: