Renzo Bossi: "Al Mondiale non tifo Italia"


Nuova uscita spericolata di Renzo Bossi, il figlio del leader della Lega Nord Umberto, neo consigliere regionale lombardo. Il ragazzo, lento a finire le superiori, è rapido nello scatenare polemiche. L'ultima in ordine di tempo riguarda ancora la Nazionale. Dopo aver dichiarato di sperare in una partita fra l'Italia e la rappresentativa "Padana" si è sbilanciato nel dichiarare il suo "non tifo" in vista dei Mondiali in Sud Africa.


No, non tifo Italia. E poi bisogna intendersi su che cosa significa essere italiano. Il tricolore, per me identifica un sentimento di cinquant'anni fa, poi non conosco il meridione, non sono mai sceso a Sud di Roma.

A stretto giro la risposta di Gigi Riva, team manager della Nazionale azzurra:


Se non sta bene può anche andarsene dall'Italia, nessuno ne farà una malattia... E' un'affermazione stupida e grave, se inizia così in politica non va molto lontano. Forse ha voluto farsi conoscere dicendo qualcosa di clamoroso, di esaltante. Ma l'Italia viene prima di lui e resterà anche dopo di lui. La Nazionale è sempre adoperata fuori luogo, ma è l'unica cosa che ancora unisce. La politica ha toccato il fondo. Nel 2006 la vittoria mondiale e il calcio hanno salvato il Paese. Hanno dato un'immagine positiva in tutto il mondo, cosa che la politica non ha dato.

L'uscita di "Trota" Bossi non meritava nemmeno una risposta.

  • shares
  • +1
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: