Cagliari, caso stadio Is Arenas: arrestato Massimo Cellino


Svolta clamorosa (o forse no) questa mattina nell'inchiesta sul caso stadio Is Arenas. Secondo quanto scrive La Gazzetta dello Sport poche ore fa un blitz della Guardia Forestale ha portato agli arresti del presidente del Cagliari Massimo Cellino, del sindaco di Quartu Mauro Contini e dell'assessore ai Lavori Pubblici Stefano Lilliu.

I tre al momento si trovano nel carcere cagliaritano di Buoncammino. Il reato a loro addebitato sarebbe quello di tentato peculato e falso ideologico: sarebbero stati utilizzati parte di soldi destinati al piano integrato d'area (per la zona di Is Arenas, quartiere periferico di Quartu, in provincia di Cagliari) per la costruzione dello stadio della società rossoblù.

L'accusa è di aver usato i fondi del Pia per far realizzare alla ditta Andreoni alcune strutture dell’impianto sportivo, dal basamento della tribuna principale alla recinzione con porte antipanico e tornelli. In teoria invece le spese sarebbero dovute essere a carico del Cagliari Calcio.
Da sempre la società rossoblu si dichiara completamente estranea.
L'inchiesta aveva già portato lo scorso novembre agli arresti dei due dirigenti del comune quartese Pierpaolo Gessa e Andrea Masala, mentre per l'imprenditore Antonio Grussu erano stati disposti subito i domiciliari.

Le misure cautelari sono state firmate dal gip di Cagliari Giampaolo Casula su richiesta del pm Enrico Lussu.

Non è la prima volta che Massimo Cellino viene arrestato. Nel 1996 finì in manette, insieme alla sorella Lucina, per truffa all'UE relativa alla denuncia di acquisto di scorte di grano inferiori a quelle esistenti. Il Presidente del Cagliari inoltre è stato condannato a 1 anno e 3 mesi di reclusione nel 2001 per falso in bilancio.

Il nuovo stadio voluto fortemente da Massimo Cellino è da mesi al centro delle polemiche. Non solo per la vicenda prettamente giudiziaria di cui vi abbiamo raccontato, ma anche per i continui problemi di agibilità. Soltanto pochi giorni fa l'ultimo episodio; la gara tra Cagliari e Milan di domenica scorsa è stata a rischio fino a pochissime ore prima del calcio d'inizio, con l'iniziale decisione da parte della Prefettura di spostare la partita a Torino. Il Tar, alla fine, ha però accolto il ricorso urgente presentato dalla società sarda e ha indicato lo stadio Is Arenas di Quartu Sant’Elena come quello deputato ad ospitare l'incontro, poi finito in pareggio.

Foto | Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail