Il vizietto di Jermaine

No, non vuole fare l'attore e non girerà un remake di Miami vice (anche se la somiglianza con Philip Michael Thomas è notevole).
Il vizietto di Jermaine Pennant, ex talento dell'under 21 Inglese, è un altro. Si chiama alcool, e sta mettendo fine a quella che sembrava una carriera sfavillante.

L'anno scorso Jermaine fu arrestato per guida in stato di ubriachezza dopo essere andato a sbattere insieme al compagno di squadra Ashley Cole contro un palo. Il giudice lo condannò a 3 mesi di carcere e gli revocò la patente per 3 anni.
Ottenne la libertà vigilita e giocò addirittura una partita di campionato contro il Tottenham indossando alla caviglia il bracciale elettronico (nel resto del post trovate una foto). Ai tempi, il suo agente Sky Andrew dichiarò - " Ha capito di avere sbagliato e questo è un punto di svolta della sua vita, da cui vuole ripartire".

Evidentemente non è "ripartito" bene visto che ieri è stato cacciato da una discoteca, completamente ubriaco, dopo aver menato un cliente del locale. La cosa curiosa è che Jermaine doveva presentare un cantante ma da quanto aveva bevuto non è riuscito nemmeno a montare sul palco.



Pennant era stato comprato nel 1999 dall'Arsenal per una cifra intorno ai 3 milioni di euro, entrando subito nella storia dei Gunners come il più giovane giocatore a scendere in campo nella massima serie (16 anni e 319 giorni). Nel 2003 è passato al Leeds United, dove non è riuscito ad evitare la retrocessione della squadra (nonostante 12 reti in 36 gare). Adesso milita da 2 stagioni nel Birmingham City (terz'ultimo in Premier League).

[Foto della caviglia via parlonsfoot.com ]

  • shares
  • +1
  • Mail