Milan, mercato vivo: Ibra, Camoranesi e Luis Fabiano più di un'ipotesi


"Noi stiamo bene. Questa è una squadra che ha vinto fino al 2007-2008, e negli ultimi due anni siamo quelli che hanno fatto più punti di tutti dopo l'Inter. Arrivare secondi non è il massimo ma stiamo riprendendo con rinnovata lena" parole ottimiste di Adriano Galliani che snocciola numeri e statistiche, al pari di Berlusconi, per ribadire quanto forte sia (stato) il Milan. Certo è che anche l'amministratore delegato rossonero conosce bene la situazione della squadra, reduce da due anni che, punti fatti a parte, ha portato più tristezze che gioie, prosciugando e non di poco le casse per via di contratti ancora troppo onerosi. Così in via Turati si pensa a comprare per rafforzarsi, ma per farlo bisogna prima vendere (o sacrificare come dicono da quelle parti) coi giocatori del Diavolo che non hanno però nessuna intenzione di levare le tende.

Nelson Dida è ufficialmente un ex giocatore del Milan: contratto scaduto il 30 giugno scorso, il portiere brasiliano ha anche ringraziato tutti con una lettera pubblicato sul sito milanista. Ecco il primo gravoso ingaggio di cui Galliani si è liberato, un piccolo passo verso un risanamento di bilancio che appare necessario. Oddo, Kaladze e Jankulovski, questi invece i sassolini nella scarpa dell'amministratore delegato, mentre Huntelaar se ne andrebbe qualora lo chiamasse Van Gaal al Bayern, Borriello per seguire Ancelotti al Chelsea e Ronaldinho, beh, con l'offerta giusta un addio del Gaucho sarebbe possibile. Manovre e manovrine, un tortuoso puzzle per racimolare quanti più soldi possibili, per poi gettarsi a capofitto nelle trattative in entra. L'ossessione del momento: Zlatan Ibrahimovic.




Proprio ieri Mino Raiola, agente dello svedese, si è visto dalle parti della sede milanista, la cosa si può fare ma bisogna sganciare molti soldi. Guardiola ormai è stufo dell'atteggiamento tattico del giocatore, lui (notoriamente una prima donna) ha ormai definitivamente messo in discussione il suo amore per il blaugrana sventolato un anno fa, ma guadagna dieci milioni netti a stagione e dalla Catalogna hanno asserito categoricamente che per averlo ci vogliono non meno di 36 milioni di euro. Siamo nell'ambito del pour parler, ma le intenzioni sono state dichiarate, con l'asso nella manica Luis Fabiano pronto ad esser calato, con o senza Ibra. E Camoranesi sembra a un passo: la prossima settimana ci sarà un incontro tra Marotta e Galliani, Allegri ha dato il benestare all'operazione, lui dopo otto anni non si strapperebbe i capelli nel cambiare aria. Cantiere Milan, per ora però solo sui giornali.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: