Raul lascia il Real Madrid, quasi certo il suo passaggio allo Schalke 04

raul gonzalez

Raul Gonzalez è ad un passo dall'addio al Real Madrid, la clamorosa notizia è stata diffusa dal quotidiano spagnolo As che ha riferito del forte interessamento dello Schalke 04 di Felix Magath nei suoi confronti. Lo spagnolo ha vissuto l'ultima stagione all'ombra, Pellegrini spesso lo ha lasciato in panchina, in totale è sceso i campo 30 volte realizzando appena 7 reti, poche per uno come lui abituato ad andare praticamente sempre in doppia cifra.

Il giocatore è legato al Real Madrid da un altro anno di contratto, il nuovo allenatore José Mourinho gli avrebbe chiesto espressamente di restare, a 33 anni però Raul vuole trovare una sistemazione che gli possa permettere di giocare con regolarità. Secondo As l'accordo con i tedeschi sarebbe già stato trovato, l'attaccante annuncerà il suo trasferimento il prossimo 15 luglio, quando sarà di ritorno dalle vacanze con la moglie e i suoi cinque figli a Menorca.

Le offerte comunque non mancavano, a lui si era interessato anche Sir Alex Ferguson che lo avrebbe portato volentieri allo United, sempre dall'Inghilterra un'offerta era arrivata anche dal Blackburn Rovers. Senza dimenticare i soliti paradisi economici, in particolare era desiderato da alcuni club americani della MLS e in Qatar. A convincerlo a trasferirsi a Gelsenkirchen ci ha pensato Cristoph Metzelder che ha concluso a maggio la sua avventura al Real per tornare in patria e vestire la maglia dello Schalke 04.


La Gallery di Raul
La Gallery di Raul
La Gallery di Raul
La Gallery di Raul
La Gallery di Raul



E sicuramente ha pesato sulla sua decisione anche il fatto che la squadra di Magath disputerà la prossima Champions League, uno stimolo troppo forte al quale Raul non ha saputo resistere. I tedeschi gli hanno proposto un contratto biennale da quattro milioni di euro lordi all'anno, a Madrid ne prendeva sei netti ma pur di giocare ha accettato di guadagnare qualcosa in meno. Una notizia del genere non l'avrebbe immaginata nessuno, Raul ha sempre vestito la maglia del Real Madrid, al pari di gente come Totti, Del Piero e Maldini, era una bandiera.

Il numero sette del Real è praticamente il detentore di tutti i record del club, sono 741 le presenze accumulate in sedici stagioni e 323 i gol messi a segno. Suo anche il primato di miglior cannoniere di sempre delle competizioni europee (68 gol come Filippo Inzaghi), della Champions League (66 centri) e della nazionale spagnola (44), è inoltre il giocatore che ha segnato in più partite diverse nella storia della Liga, 186 incontri per la precisione. Insomma stiamo parlando di un grande fuoriclasse e di una bandiera assoluta che però sta per ammainarsi.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: