Inter, è il giorno di Coutinho: "Assomiglio a Pato ma gioco come Sneijder"


Poche parole, quelle di Benitez che seduto al fianco del giovanissimo Coutinho durante un'attesa conferenza stampa ha così presentato la stellina brasiliana: "Presentiamo un giocatore giovane che può rappresentare il futuro della società. I suoi tifosi lo hanno sempre acclamato quindi siamo sicuri possa far bene". Poi riflettori e microfoni sono tutti per il diciottenne, un passato al Vasco de Gama e finalmente la chance di giocarsi le proprie carte in Europa, anzi, con la squadra attualmente più forte del Vecchio Continente. E' misurato il ragazzo, non timido nonostante gli occhi curiosi dei giornalisti, determinato, non lesina risposte anche non banali. Ovvio che l'approccio sia di tipo classico: aspettative, sensazioni, questioni tattiche.

"Sono contento di essere qui, spero di vincere molti titoli e dare molte soddisfazioni ai tifosi dell'Inter. Voglio affermarmi, diventare un volto noto nel calcio italiano, mettermi in mostra per raggiungere poi il sogno della nazionale. Quando ho saputo dell'interesse dell'Inter ero molto emozionato e lusingato, è il sogno di ogni brasiliano giocare in una grande d'Europa e quando l'acquisto è stato perfezionato non vedevo l'ora di iniziare questa esperienza" le parole di Coutinho, che poi si concentra sul suo modo di giocare: "I miei idoli sono Kakà e Ronaldinho, ma penso di essere molto simile a Sneijder. Pato? No lui è più attaccante, io più centrocampista".

E poi via con le curiosità: "I primi giorni qui sono stati molto tranquilli, ho già trovato due brasiliani in squadra che mi stanno aiutando e ho intenzione di imparare presto l'italiano, per ora basta parlare piano e riesco a capire. Non ho ancora scelto il numero di maglia, presto deciderò. La movida milanese? Sono un tipo casalingo, mi piace stare tranquillo con amici, famiglia, fidanzata della quale sono molto innamorato". L'ex napoletano Careca lo ha paragonato a Zico, lui per il momento ha mostrato buone cose nel primo campionato da professionista in B col Vasco Da Gama e soprattutto nello scorso, con 28 presenze e 5 gol, inclusa pure la coppa. Non ha grande esperienza, ma i ben informati assicurano sia un crack. Del resto ha solo 18 anni...

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: