Guardiola: "Ibrahimovic resterà se lo vorrà lui"


"Di cosa abbiamo parlato? Sono cose nostre. Ibra ha fatto una stagione molto buona, è stato un giocatore decisivo e importante ma nei momenti-chiave non ha giocato. Se resta, deve continuare ad essere un giocatore importante. Il suo futuro? Deciderà lui, insieme al suo agente, cosa vuole fare. Ibra ha sempre lavorato per avere un posto nell'undici titolare. Io lavoro per fare in modo che il suo rendimento sia lo stesso dell'anno passato". Sono le prime parole di Pep Guardiola al termine del faccia a faccia con Zlatan Ibrahimovic. Guardiola smentisce, poi, le voci su ogni sorta di richiesta di cessione avanzata dal tecnico blaugrana:

"Non ho mai parlato di questa ipotesi nè con il presidente attuale nè con quello precedente". Sul piede di partenza sembra invece il messicano Rafa Marquez, nonostante il rinnovo fino al 2012, firmato sotto la presidenza di Joan Laporta: "Marquez è qui da sette anni e sarei felice se decidesse di restare anche la prossima stagione, ma non posso garantirgli un posto da titolare".


Quindi un elogio alla dirigenza del Barcellona per il contratto appena rinnovato: "Sono molto contento, i programmi non sono cambiati. Ringrazio la dirigenza per la fiducia, l'offerta di rinnovo per sei anni è motivo d'orgoglio ma io non penso così, lavoro meglio con contratti a breve scadenza. Poi se le cose funzionano possiamo proseguire insieme altri anni, ma è meglio andare avanti giorno per giorno". Infine, una domanda sul neo-tecnico del Real Madrid, Josè Mourinho: "E' uno dei migliori allenatori del mondo, se non il migliore. E il suo arrivo nella Liga è una cosa positiva. Il suo carattere? Ognuno è fatto a modo suo".

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: