Raul è ufficialmente un giocatore dello Schalke 04, lo spagnolo è stato presentato oggi dal club tedesco

raul gonzalez blanco

Inizia una nuova avventura per una delle bandiere del calcio moderno, Raul Gonzalez Blanco dopo sedici anni ha lasciato il suo Real Madrid per accasarsi allo Schalke 04. Il fuoriclasse spagnolo ha iniziato oggi la sua avventura in Germania, è stato presentato ai suoi nuovi tifosi che sono accorsi numerosi sulle gradinate della Gelsenkirchen Arena, al suo fianco l'allenatore il suo nuovo allenatore Felix Magath, nel pomeriggio ha sostenuto anche il primo allenamento con i suoi nuovi compagni. Resterà legato allo Schalke per due stagioni, il contratto scadrà infatti a giugno 2012.

Il giocatore è apparso entusiasta di questa decisione e ha promesso il massimo impegno, non è un vecchietto che vuole soltanto rimpinguare il conto in banca, a 33 anni e dopo aver vinto tutto ha ancora voglia di mettersi alla prova e di sicuro vuole continuare a vincere:

"Voglio dire grazie ai miei tifosi. Questo è un giorno speciale per me, dopo 16 anni oggi ha inizio una nuova sfida – ha detto Raul. Arrivo in un club competitivo, che gioca la Champions e lotta per il titolo nazionale. Vengo qui con una grande voglia di giocare e di lavorare duro, sono sicuro che tutto andrà per il meglio. Volevo fare esperienza con un nuovo tipo di calcio, volevo conoscere una cultura differente, questa è una sfida importante nella vita. Il calcio tedesco o quello inglese, questi erano i soli due paesi che mi interessavano, tutto ciò che voglio è semplicemente continuare a giocare a calcio".

Radioso anche l'allenatore Felix Magath che si dice felice per l'accordo raggiunto con il giocatore spagnolo, arrivato in Germania a parametro zero dal momento che il contratto con il club madrileno era ormai scaduto:

"Sono felice che siamo riusciti a prendere un giocatore eccezionale come Raul, un fuoriclasse di fama mondiale che approda nella Bundesliga e precisamente allo Schalke 04. Il suo ingaggio è un passo decisivo che premia i nostri sforzi tesi a rinforzare e ristrutturare la squadra".

Raul ovviamente indosserà la maglia numero 7, la nuova casacca gli è stata consegnata da un minatore tifoso del club della Ruhr che ha omaggiato il calciatore anche di una roccia simbolo delle miniere importante risorsa economica della regione. Lo spagnolo è il secondo giocatore a trasferirsi quest'anno dal Real Madrid allo Schalke, prima di lui aveva percorso la stessa strada Cristoph Metzelder che dopo tre anni, conditi da moltissimi infortuni, è tornato in patria.

Raul in Germania potrà inseguire nuovi obbiettivi dopo esser diventato praticamente una leggenda in patria. Ricordiamo che a lui appartiene il titolo di miglior goleador di tutti i tempi del Real Madrid, della nazionale spagnola, pur non giocandovi dal 2006, e delle competizioni europee dove è andato a segno ben 66 volte, di cui 64 nella più prestigiosa Champions League.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: