Mourinho tratta con Abramovich e si gode il "suo" museo

Il preludio del grande ritorno alla ribalta (meriti, titoli, chiacchiericcio generale) di José Mourinho è stato tutto sul campo: il doppio confronto diretto vinto contro il Barcellona e il colpaccio del suo Real Madrid a Manchester in Champions League. Il resto viene quasi di conseguenza visto il tenore del personaggio, ma certamente aiuta l'ormai annunciato addio alle merengues che verrà sancito tra appena tre mesi.

Notizia, quest'ultima, che a Madrid non si premurano neanche più di smentire. Anzi, la destinazione Psg ha avuto la prima posizione nella hit-parade forse anche affrettatamente considerando che Mourinho in realtà ha infittito progressivamente i contatti (mai scemati) con il magnate russo Roman Abramovich, ovvero colui che a 15 giorni dall'esonero dello Special One dalla panchina del Chelsea regalò al tecnico portoghese una Ferrari 612 assolutamente esclusiva.

Insomma, la risposta che oggi deve dare Mou è solo e soltanto al Chelsea. E le possibilità di un suo ritorno a Londra crescono con il passare delle ore dato che i movimenti su Falcao (primissima scelta del portoghese) sono stati accelerati grazie alla nuova offerta inoltrata dai bleus all'Atletico Madrid: 44 milioni di euro più il cartellino di Fernando Torres che ha già detto sì al club che lo ha lanciato nel grande calcio.

In più, la notizia della preiscrizione della figlia minore di Mourinho a una nota scuole d'arte britannica e alcune garanzie tecniche circa almeno due ulteriori grandi interventi sul mercato tra cui un difensore esterno e un centrale di centrocampo (Johnson e Fellaini non bastano).

Per di più, anche una news di colore contribuisce a togliere dal grigiore la stagione di Mourinho, e si tratta di qualcosa di speciale. La città di Setubal, luogo natale dell'allenatore lusitano, ha infatti annunciato la prossima apertura di un museo tutto dedicato allo Special One per "il ruolo da protagonista assoluto recitato nel calcio internazionale". Cimeli, immagini e momenti privati che per la prima volta diverranno pubblici per la gioia, tra gli altri, degli eventuali turisti di fede interista.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail