Marchisio senza procuratore: "Non serve, faccio tutto da me"


Lo scorso calciomercato, forse più di ogni altro, ha visto protagonisti i procuratori dei calciatori: abili e bluffatori, alzano la voce o commettono clamorosi sbagli, molto spesso il destino dei giocatori è in mano a queste sinistre figure. Guadagnano su ogni transazione e conducono i giochi, sono onnipresenti (finanche nelle dichiarazioni alla stampa), insomma paiono indispensabili e mattatori. Eppure non tutti la pensano così. Chiedere a Claudio Marchisio che da poche settimane ha deciso di andare per la propria strada da solo.

"Non credo che i procuratori siano il male del calcio, ma credo anche che non siano così indispensabili. Un calciatore può rappresentarsi da solo, io ci voglio provare" ha dichiarato qualche giorno fa il mediano juventino al Tuttosport, riferendosi alla rottura con Carlo Pallavicino (che rappresenta tra gli altro Pandev, Amelia e Cristiano Lucarelli). C'è un rinnovo contrattuale da ottenere, Marchisio avrebbe bisogno più che mai di qualcuno che gli faccia la procura, eppure oggi ha ribadito il concetto, ritornando sulla questione ai microfoni di Sky.


"Dipende dalla situazione che uno vive. Ci sono dei casi in cui un calciatore può decidere tranquillamente da solo la scelta che ritiene più opportuno compiere. Io mi ritengo fortunato perché alle spalle ho una famiglia che mi aiuta e mi appoggia sempre e di questo ne vado fiero. Al mio procuratore devo moltissimo, ma la decisione la prenderò con la mia testa" ha asserito il centrocampista, riferendosi sempre al contratto da rinnovare con la Juve. Ad agosto si mostrò inquieto e a mezzo facebook si definì addirittura pessimista, oggi che "viaggia da solo" si ritiene molto più sereno.

Sempre qualche giorno fa, sempre al Tuttosport: "A fine agosto sia il sottoscritto, sia la società, aveva­no parlato un po’ troppo del­la questione. Comunque la mia intenzione è chiara, vo­glio legarmi a vita alla Juve. E non c’è fretta, anche per­ché adesso sono senza procuratore", come a dire che finalmente può oculare la sua scelta senza pressioni di sorta. E dal momento che la volontà del giocatore è quella di rimanere a Torino, allora col buonsenso la soluzione si troverà. Senza la pressione di quegli "squali" che vogliono lucrare sui contratti dei propri assistiti.


Le foto più belle di Claudio Marchisio

Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio
Le foto più belle di Claudio Marchisio

  • shares
  • +1
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: