Galliani: "Lotteremo fino in fondo. Inzaghi resta"


Dopo la vittoria per 3-2 sul terreno del Bari, che ha permesso ai rossoneri di portarsi in seconda posizione, scavalcando in classifica i campioni in carica dell'Inter, l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, si dice certo delle possibilità della sua squadra si rimanere in corsa fino al termine della stagione per la conquista dello scudetto. Il dirigente dei milanesi, intervenuto stamani alla premiazione di Gianfranco Zola con il Premio Facchetti, ha infatti dichiarato: "Noi favoriti? No, ma abbiamo fatto una squadra in grado di lottare per lo scudetto. Il fatto di giocare ogni tre giorni fa sì che i giudizi cambino spesso. Ieri ci sono state tante occasioni da gol, sono contento."

Riguardo ai numerosi infortuni, problema che affligge anche le rivali Inter e Juventus, Galliani dice: "Gli infortuni ci condizionano. L'anno scorso al Milan ne abbiamo avuti tanti, il calcio è uno sport traumatico. Mi spiace tanto per l'Inter. Faccio tanti auguri a Samuel, che è uno dei centrali più forti del mondo, e anche a Maicon, che ha fortunatamente una lesione più lieve."




Un commento anche sul tecnico Allegri: "Non discuto le scelte dell'allenatore lui ha a disposizione un grande organico e decide in base a quello che vede durante gli allenamenti. In effetti ho notato che ieri in panchina c'erano quattro grandi campioni." Il dirigente rossonero blinda infine Pippo Inzaghi: "Non c'è nessuna possibilità al mondo che vada via".

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: