Galliani: "Noi siamo pronti se il City vende Balotelli"


Adriano Galliani getta la maschera che ha più o meno coperto in questi mesi l'interesse reale del Milan nei confronti di Mario Balotelli e annuncia, a margine della presentazione del rinnovo della partnership con Compass per Carta Viva Milan, la disponibilità del club rossonero all'acquisto dell'ex attaccante dell'Inter: "E' un giocatore del Manchester City e assolutamente non è sul mercato. Abbandonate questa pista. Le clausole di Balotelli? Diciamo che ci sono, ma non si tratta di nulla di insuperabile, se decidono di venderlo noi ci siamo. Balotelli è un giocatore forte, simpatico e spero milanista, ma non credo mai al mondo che il Manchester City lo ceda tre mesi dopo averlo acquistato. Se si dovesse riformare la coppia Ibrahimovic-Balotelli, si riformerà nel Milan, perchè noi Ibra non lo cediamo a nessuno".

Il numero uno rossonero non ha parlato comunque solo del bomber del City. "Se ci sarà la possibilità a gennaio arriverà un attaccante. Eravamo stracoperti, ma abbiamo perso Pippo Inzaghi per tutta la stagione. Se ci sarà l'occasione di far arrivare un giocatore all'altezza in attacco lo faremo, altrimenti restiamo così. Non apriremo discorsi sugli altri reparti: o arriverà un attaccante all'altezza oppure non arriverà nessuno. Se arrivera' una punta, la discriminante è che sia comunitaria".

Secondo Galliani comunque "non è necessario che l'attaccante possa giocare la Champions League, c'è comunque il campionato. L'attaccante dovrà essere comunitario, a causa di quella decisione estiva che ha indebolito il calcio italiano e che non è condivisa dalla Lega di A. Benzema? Florentino Perez ha detto che non parte a gennaio e comunque noi non l'abbiamo mai richiesto. Matri? E' un buonissimo giocatore ma il presidente Cellino non cede i propri giocatori, soprattutto a gennaio".

Ancora Galliani ha parlato poi del big match Barcellona-Real: "Faccio una confidenza, qualche anno fa siamo stati ad un millimetro da Xavi, un giocatore che mi è sempre piaciuto moltissimo, avevamo parlato con suo padre, eravamo molto, molto vicini, poi lui ha prolungato con il Barcellona. Il Barça gioca un bellissimo calcio, ma non so se lo gioca per 12 mesi. Trattano la palla molto bene e con grande rapidità e in questo momento sono stratosferici, ma il calcio è fatto di alti e bassi".

La chiusura di Adriano Galliani è stata su Ronaldinho e Pato: "Ronaldinho ha lo stesso credito dei suoi compagni di squadra. L'allenatore ha a disposizione un organico ricco e in questo momento con soli tre infortunati: Oddo, Pato e Inzaghi. In base a questo organico, l'allenatore in piena autonomia sceglie gli undici titolari, i sette che vanno in panchina e i giocatori che vanno in tribuna. Checchè se ne dica, l'allenatore ha libertà di scelta assoluta. Il presidente Berlusconi sabato a Genova ha fatto i complimenti alla squadra per come ha giocato, senza riferimenti particolari".

Galliani ha poi aggiunto su Pato che "sembra confermato il viaggio di metà dicembre per una visita importante in North Carolina, presso la Duke University. Pato è arrivato da noi nell'agosto 2007 e fino al 31 Dicembre 2009 non ha accusato infortuni rilevanti. Nel 2010 invece è stato fuori 152 giorni per infortuni vari, il primo dei quali è stato a gennaio, pochi giorni prima di Milan-Genoa. Bisogna capire il perchè. Noi abbiamo bisogno di Pato".

(fonte adnkronos)

Balotelli con la maglia del Milan

Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan


Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan

Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
Balotelli con la maglia del Milan
  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: