La Ternana è senza stadio: 0-3 a tavolino!


E' difficile credere che in Italia, il paese del pallone, potessero succedere cose del genere tra i professionisti, in una città così passionale e calda come Terni il cui stadio, il mitico Libero Liberati, è una delle icone del nostro calcio. Eppure è accaduto ed è difficile spiegare l'indignazione di una città tutta contro una società che inspiegabilmente sta cercando di ammazzare l'amore di centinaia di tifosi per quella casacca rossoverde che in Italia è sinonimo di Ternana Calcio.

E' presto detto cosa è accaduto: dopo una lunga ed estenuante riunione tenutasi a Palazzo Spada in quel di Terni, il Comune ha deciso di non dare lo stadio alla squadra di calcio e la Lega di C probabilmente consegnerà uno 0-3 a tavolino alla "fortunata" Salernitana (da sottolineare che la prima partita casalinga l'avevano giocato a Pistoia, cosa che già era piaciuta pochissimo al presidente di Lega Macalli). Longarini, controverso presidente della squadra umbra (vedere foto per credere), non ha fornito tramite i suoi delegati delle semplici garanzie al Comune e tra queste v'era il reintegro dei giocatori fuori rosa (da Fattori a Corrent, da Karjha a Jimenez) e la presentazione di un progetto serio per la stagione 2006/07. Pare che la Ternana abbia abbandonato il tavolo delle trattative di punto in bianco, lasciando pietrificata la Giunta comunale.

E i tifosi? Gli ultras ternani? Come avranno reagito a tutto ciò? Inutile dire quanto siano delusi e amareggiati per la sciagurata condotta del loro "presunto" presidente e sono disposti a tutto, anche a un campionato fatto di sole trasferte. Per amore della loro squadra (e quindi per l'esilio di quei strani personaggi che tengono in ostaggio la loro fede) non molleranno proprio ora e già da Salerno arrivano messaggi di solidarietà...

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: