Il padre di Gourcuff attacca il Milan e Maldini


Dalle pagine di France Football arriva la replica alle dure dichiarazioni rilasciate due settimane fa da Paolo Maldini, che aveva accusato il suo ex compagno di squadra Yohann Gourcuff di non essersi messo a disposizione del gruppo durante la sua esperienza in maglia rossonera. A prendere le difese del fantasista transalpino, il padre del giocatore Christian, tecnico del Lorient, che dalle colonne del popolare quotidiano sportivo francese ha risposto così all'ex difensore dei milanesi:

Il Milan è come una 'famiglia' dove tutto è politico. Ancelotti dettava legge ma era un allenatore politico. Poi ci sono giochi di influenza terribili. Ci sono cose che so ma che non posso raccontare. E’ un fatto però che Gattuso entrasse sempre molto duro su Yoann in allenamento, magari non lo faceva apposta, ma è colpa sua se mio figlio ha chiuso prima la stagione




aggiungendo inoltre:

Mio figlio ha preso due ore al giorno di lezioni di italiano e dopo due mesi lo parlava. E’ arrivato due volte in ritardo in due anni. Se abiti a 50 chilometri da Milanello può capitare. E poi, guardate Ronaldinho che fa bagordi praticamente tutti i giorni. Laggiù ci sono serate che in confronto le festicciole di Ribery fanno ridere. Se Maldini ha detto queste cose vuol dire che c’è in corso un complotto perché Yoann è scomodo, visto che possiede una struttura culturale e interessi intellettivi diversi che in questo ambiente non piacciono. E in più, è molto riservato.

Il numero 29 del Lione continua intanto ad essere uno dei giocatori più chiacchierati di Francia anche per altri motivi: sulla rete impazza infatti il gossip sulla sua presunta omosessualità, per la quale gli sono state attribuite in numerose occasioni storie d'amore con alcuni compagni di squadra.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: