Italia, Chiellini lascia il ritiro: in dubbio anche per Inter - Juve

E' un'annata davvero sfortunata quella di Giorgio Chiellini alle prese da mesi con piccoli acciacchi (anche sul finire della scorsa, ultima di Serie A ed Europei) che ne stanno minando la continuità sul campo: l'ultimo risale a dicembre, la lesione al polpaccio destro che lo ha di fatto tenuto ai box per due mesi, un infortunio non grave ma tignoso dal quale il forte difensore della Juve pare si sia ripreso bene. Il rientro il 24 febbraio scorso nella gara interna contro il Siena dove ha rimediato una forte botta alla caviglia destra in uno scontro di gioco per il quale si temeva un altro piccolo stop; Chiellini non ha battuto ciglio e ha giocato contro il Napoli, quindi Celtic e Catania, fino alla gara col Bologna quando ha rimediato un'altra botta da Perez che gli ha procurato un trauma distorsivo alla caviglia questa volta sinistra.

Lo stopper livornese ha comunque risposto alla convocazione di Prandelli per il doppio impegno dell'Italia contro Brasile (in amichevole domani a Ginevra) e Malta (martedì a La Valletta), ma una volta a Coverciano in accordo col professor Castellacci, medico della Nazionale, ha deciso di tornare a Torino; così il sanitario in merito alle condizioni fisiche del giocatore:

"Le sue condizioni sono migliorate rispetto ai giorni scorsi ma non tanto da pensare di impiegarlo contro Brasile e neppure con Malta martedì. Abbiamo preferito quindi rimandare Chiellini a Torino in modo che possa curarsi con la sua società".

Prandelli, orientato per la sfida contro i verdeoro per un 4-3-1-2, schiererà a sinistra con molta probabilità De Sciglio quale sostituto di Chiellini che a questo punto risulta in dubbio anche per la sfida contro l'Inter di sabato 30 marzo. In realtà una sua assenza a San Siro risulterebbe fortemente preventiva per non rischiare ed essere al top per la sfida dell'Allianz Arena contro il Bayern Monaco, andata dei quarti di finale di Champions League in programma il 2 aprile prossimo. Contro i nerazzurri di Stramaccioni, il tecnico della Juve Conte sta pensando a un massiccio turn-over anche se l'assenza di Caceres (a causa dell'incidente d'auto) complica i piani dell'allenatore bianconero per quanto concerne il reparto difensivo (alla fine dovrebbero giocare Barzagli, Marrone e Peluso).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: