Il Catania punta l'Europa: blindati Maran, Legrottaglie e Almiron

Obiettivo continuità: il Catania dopo anni di salvezze esaltanti e un matrimonio, quello tra Pulvirenti e Lo Monaco finito bruscamente (con tanto di richieste di arretrati dell'ex amministratore delegato), in seno al club etneo è arrivato il momento di mettere il punto e di alzare l'asticella degli obiettivi. Indubbiamente bravo Antonino Pulvirenti a tenere saldo il timone della barca tra le mani, sagace la scelta di affidarsi a Sergio Gasparin come direttore sportivo, coraggiosa la decisione di non lasciare andare i big della squadra che anche nell'ultima finestra di mercato dello scorso gennaio erano tentati da più sirene incantatrici. Nella settimana che porta alla sfida dell'Olimpico contro la Lazio, una partita che può valere un pezzo d'Europa visti i due soli punti che separano le due compagini, si sono sprecate le dichiarazioni e gli annunci, tutti tesi a far esaltare i tifosi catanesi che da ieri possono dormire sonni tranquilli per quanto concerne la guida tecnica della squadra: Rolando Maran, ottimo fino a questo momento sulla panchina del Catania, ha rinnovato il contratto fino al 2015. Questo l'annuncio della società tramite la penna del presidente:

"Siamo lieti di comunicare il prolungamento del rapporto contrattuale con l'allenatore della prima squadra Rolando Maran, fino al 30 giugno 2015. Per la prima volta il progetto legato alla guida tecnica cresce sviluppandosi sull'arco temporale di tre stagioni: la continuità di una scelta che si rinnova serve a rafforzare la chiara idea iniziale ed è un segnale importante per tutti".

L'ex tecnico del Varese si è detto entusiasta del prolungamento del rapporto:

"Ho voluto fortemente rinsaldare il mio legame con il Catania perché in questi mesi mi sono trovato splendidamente sotto ogni aspetto: societario, tecnico ed ambientale, dalla struttura alla città. Solitamente, nelle circostanze favorevoli, cantano le sirene, magari alcune davvero ammalianti, ed è piacevole essere gratificati dagli apprezzamenti: passione, intelligenza e lucidità ti conducono infine alla scelta giusta. Per me Catania rappresenta ciò che desidero e l'entusiasmo rispetto al primo giorno è aumentato. Resto qui, felice".

Tutti contenti, ora c'è da consolidare la posizione in classifica e aggiungere altri tasselli, intesi come ulteriori rinnovi dei pilastri della squadra. Pulvirenti non si nasconde in vista del match contro la Lazio:

"Faremo sicuramente una grande partita, su questo non ho dubbi perchè i ragazzi hanno un obiettivo, quello di puntare all'Europa. Andremo a fare la nostra partita e faremo una gara importante; affrontando una grande squadra come la Lazio può ovviamente succedere di tutto, ci sta qualsiasi tipo di risultato".

A parlare di mercato ci pensa invece Gasparin, che annuncia la quasi intesa per il rinnovo contrattuale di Almiron e Legrottaglie:

"La politica del club è stata recepita da tutto il nostro gruppo di lavoro e come già accaduto con Barrientos, Gomez e Lodi, abbiamo iniziato il dialogo con Almiron e Legrottaglie, per verificare la possibilità di consolidare il rapporto contrattuale. Siamo fiduciosi, ma dire di aver già raggiunto l'accordo è un'inesattezza. Quel che è sicuro è l'intenzione della proprietà di dare al club stabilità tecnica nel tempo".

E su Maran:

"Il nostro allenatore oltre ad essere una persona umile ha dimostrato di avere grandi capacità tecniche. La conferma se l'è meritata sul terreno di gioco. E' bastato uno sguardo, tra persone che hanno gli stessi parametri di riferimento, per raggiungere l'intesa e far mettere la firma sul prolungamento del rapporto. Abbiamo preferito parlare poco dando invece segnali concreti che il nostro progetto va avanti nel segno della continuità. La conferma dei big? Come per Maran, anche per i giocatori lavoreremo sottotraccia nelle sedi più opportune".

Catania: prove tecniche di grandeur. Con intelligenza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail