Adriano prolunga le vacanze brasiliane, la Roma smonta il caso

adriano

Quando si parla di Adriano è facile che un semplice disguido possa trasformarsi in un caso politico, il giocatore ha ritardato il suo rientro dalle vacanze natalizie, sarà in Italia soltanto il 31 dicembre mentre i suoi compagni sono già al lavoro. Tutto poteva lasciar pensare che si trattasse della solita bravata dell'Imperatore, non nuovo a questo tipo di comportamenti, a gettare acqua sul fuoco però ci ha pensato la stessa Roma con un comunicato diffuso attraverso il suo sito ufficiale.

La società giallorossa ha fatto sapere: "Il calciatore Leite Ribero Adriano, scusandosi con la Società per il disguido, ha chiesto di posticipare il rientro in Italia – previsto inizialmente per la giornata di domani (ndr. oggi per chi legge) - in quanto in attesa del visto di espatrio sul passaporto del figlio minorenne, che necessita delle firme congiunte dei genitori". Nessun caso quindi, Adriano ha chiesto regolarmente due giorni di permesso per risolvere le pratiche burocratiche relative ai documenti del figlio. Sempre la Roma ha poi specificato che il suo rientro è previsto per l'ultimo giorno dell'anno.

Il caso è stato poi definitivamente archiviato con le parole del suo procuratore Roberto Calenda intervistato da Sky: "E' in attesa del nuovo passaporto che gli era scaduto ed i tempi si sono protratti, ad ore dovrebbero rilasciarlo con la doppia firma della mamma del suo bimbo. Con i minori di mezzo è normale che ci si impieghi di più. Tornerà in Italia appena sarà in possesso del nuovo passaporto, dovevano rilasciarlo ad inizio settimana, poi complici le vacanze di Natale la consegna è ritardata".

L'agente ha poi smentito le voci relative ad un possibile ritorno del giocatore in Brasile, in questi giorni si era parlato infatti di un interessamento del Corinthians: "Resta alla Roma? Bisogna ascoltare le parole di Adriano, è stato ben chiaro più di una volta in Italia prima di partire, poi in Brasile. Poi se altri parlano per suo conto ormai siamo abituati a sentir parlare con il nome di Adriano". L'attaccante ha spiegato che in questi giorni si è sentito telefonicamente con il suo connazionale Ronaldo, ma che la telefonata era amichevole e che i due non hanno parlato in nessun modo di mercato.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: