Derby pugliese a porte chiuse, il fallimento della Tessera del Tifoso

via del mare

L'attesissimo derby della Befana tra Lecce e Bari si disputerà a porte chiuse, la decisione è arrivata questa mattina dopo la riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuta presso la Prefettura del capoluogo salentino. Si sono quindi avverati i timori del presidente giallorosso Pierandrea Semeraro che nei giorni scorsi aveva mostrato preoccupazione per il regolare svolgimento della partita visto la grande rivalità fra le due tifoserie, alla fine a perderci sono tutti gli appassionati di calcio che attendevano con ansia l'evento che non si verificava da anni nella massima serie.

"Una decisione sofferta, ma inevitabile di fronte ad una partita ritenuta così ad alto rischio potevamo soltanto prendere questo provvedimento, l'unico in grado di garantire un reale controllo della manifestazione", queste le prime parole del prefetto di Lecce Mario Tafaro. Ovviamente c'è delusione da parte di tutti, il sindaco di Bari ha fatto sapere di non condividere la decisione anche alla luce delle rassicurazioni avute in questi giorni dai sostenitori suoi concittadini, il primo cittadino si è detto disposto ad accompagnare personalmente i tifosi ospiti al Via del Mare, scettico anche sulle stime relative ai baresi che si sarebbero mossi per seguire la sfida:

"Non corrisponde ad alcuna reale previsione il numero di 17 mila tifosi in trasferta, evidentemente diffuso solo per impressionare i non addetti ai lavori. La tifoseria organizzata prevede di non superare le 4-5 mila unità e quella non organizzata non andrà oltre le 2-3 mila unità, e tra queste i soggetti da tenere d'occhio non sono più di qualche decina".



Michele Emiliano

si è messo a disposizione delle autorità offrendo il suo contributo nella ricerca di una soluzione meno drastica, non è mancata però una critica al Ministero degli Interni colpevole di non essersi sforzato per impedire questo provvedimento, preoccupato soltanto di dar seguito alla minaccia di negare il derby ai baresi, seguita agli scontri del maggio 2008:

"Considero il provvedimento semplicemente un modo attraverso il quale il Ministero dell'Interno ha mantenuto la promessa che nel 2008 fu infelicemente pronunciata da un sottosegretario dopo gli incidenti del derby di quell'anno. Nessuno ha neanche provato ad immaginare un meccanismo di sicurezza che consentisse lo svolgimento della partita".

C'è amarezza anche nelle parole del suo collega leccese, il sindaco Paolo Perrone, che, pur rispettando le decisioni degli organi preposti alla sicurezza pubblica, avrebbe preferito regalare alla sua città una giornata di festa sportiva: "Non posso non constatare, a questo punto, che la Puglia sportiva sarà privata della possibilità di assistere al suo appuntamento più importante. Una partita dall'incredibile fascino come quella tra il Lecce ed il Bari perde i suoi significati più importanti se giocata di fronte alle tribune vuote. E' una sconfitta per lo sport, per i tanti appassionati dell'una e dell'altra squadra, per quella Puglia che si afferma in un settore dominato dai giganti".

La vicenda ha suscitato anche l'interesse del Ministro Roberto Maroni che nei prossimi giorni ascolterà i responsabili di questa decisione per capire come si sia arrivati ad una soluzione così drastica. La Tessera del Tifoso, introdotta fra mille polemiche quest'anno, nei piani del Ministero doveva servire proprio ad evitare che si arrivasse a conseguenze simili, è la prima volta dalla sua introduzione che una partita si gioca a porte chiuse. Appare abbastanza evidente che le speranze riposte in questa contestatissima iniziativa siano state disattese e sarebbe opportuno che anche i piani alti del calcio italiano e della politica si interrogassero sulla sua effettiva bontà. Sicuramente il dibattito si accenderà nei prossimi giorni, a perderci per il momento è solo la Puglia e i suoi tifosi sani che avrebbero preferito godersi questa importante partita dalle tribune del Via del Mare e non davanti ad un televisore.

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: