Parma a Messina senza Morfeo

MorfeoIl Parma parte alla volta di Messina senza Mimmo Morfeo, il fantasista che divide i tifosi e che spesso decide le sorti delle partite della squadra di Beretta nel bene e nel male. E’ quanto emerge dalla lista dei convocati per la gara di domenica, in cui il trequartista abruzzese non figura, in seguito a un attacco influenzale che ha colpito anche Guardalben (neanche lui convocato) e Cardone, che non è partito per la Sicilia (ma in caso di miglioramento viaggerà da solo) e ieri è rimasto a riposo, rinunciando all’amichevole infrasettimanale di Collecchio contro l’Aurora, società parmigiana di Prima Categoria, vinta dai crociati 11-0 con Corradi e il giovane Paponi sugli scudi con una tripletta a testa.
Proprio il baby attaccante Paponi (classe 1988) scalpita per avere a disposizione qualche minuto in più degli spiccioli di Firenze, fin qui prima e unica presenza per lui in Seria A, specie in considerazione di quanto sta combinando il coetaneo Foti alla Sampdoria e in virtù della concorrenza interna che, alle spalle di Corradi, propone solo l’impresentabile Ruopolo. C’è da sperare che al San Filippo venga concessa una chance al giovane anconitano? Staremo a vedere.

Per il resto la formazione sembra fatta, stanti le assenze dell’infortunato Bolaño, dello squalificato Contini e di Morfeo come detto. Se Cardone non sarà della partita, la squadra sarà quella del primo tempo di ieri con Bucci tra i pali, Bonera preferito a Pasquale a sinistra per consentire l’ingresso di Ferronetti a destra (il probabile esordio dal primo minuto sarebbe la notizia più bella della stagione) con Paolo Cannavaro e Fernando Couto al centro. Possibile varianti l’inserimento di Cardone, appunto, o quello di Pasquale con spostamento di Bonera al centro o a destra. Ibrahima Camara (da tempo a disposizione ma sempre sottoutilizzato, piuttosto inspiegabilmente) e Marco Rossi completano il quadro dei difensori.
In mediana scelte obbligate con Fabio Simplicio e Dessena, al posto di Bolaño, ai lati dell’ormai imprescindibile Grella e Cigarini pronto a subentrare dalla panchina. Il tridente mascherato sarà quello che io preferisco (senza nulla togliere a Morfeo) con Marchionni e Bresciano a garantire dinamismo, imprevedibilità e copertura alle spalle di Corradi.

Nel reparto offensivo la piacevole novità è costituita dal ritorno tra i convocati di Andrea Pisanu, che ieri ha disputato un bel secondo tempo, coronato da un gol, in un tridente sui generis con Ruopolo e Paponi, cui contenderà un posto in panchina, accanto al dodicesimo Alfonso De Lucia. A proposito, quante papere di Bucci e Guardalben bisognerà ancora aspettare, per vederlo in campo dal primo minuto?

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: