Galliani non digerisce le dichiarazioni "pro Napoli" di Prandelli, il ct chiarisce

adriano galliani

Adriano Galliani non ha gradito le dichiarazioni in merito alla corsa scudetto di Cesare Prandelli, secondo l'amministratore delegato del Milan non è accettabile che il ct della nazionale si esprima in favore di una o dell'altra squadra in questa fase della stagione, un po' come successe all'inizio dello scorso campionato quando Marcello Lippi pronosticò una Juventus vincente. Il dirigente rossonero per manifestare tutto il suo disappunto è arrivato perfino a telefonare Giancarlo Abete, nel corso della conversazione Galliani ha esposto le sue ragioni dicendosi "dispiaciuto e sorpreso" in seguito alle esternazioni del commissario tecnico azzurro.

Raggiunto a telefono dall'Ansa, Prandelli ci ha tenuto a spiegare meglio le sue dichiarazioni che, a suo modo di dire, sono state interpretate male, definendo tutta la vicenda un equivoco creato ad hoc per far salire le polemiche. L'ex allenatore della Fiorentina ha comunque ribadito la sua ammirazione per la stagione del Napoli, sottolineando però di non avere nessuna preferenza particolare: "Non tifo per nessuna squadra, ovviamente mi fa molto piacere che una società come il Napoli si stia organizzando per vincere lo scudetto: è un fenomeno che fa bene al calcio italiano".

Tornando sulle sue parole, il tecnico ha poi fatto notare come lui abbia parlato anche benissimo del Milan, una squadra in testa alla classifica fin dall'inizio del campionato: "Mi dispiace se Galliani e i milanisti si sono arrabbiati, ma è una cosa che non esiste. Un equivoco creato da chi vuole mettere zizzania. Io ho detto chiaramente che il Milan è in testa da 24 giornate e merita il primato, certo ho aggiunto che con tre punti di vantaggio deve stare attento".

Cesare Prandelli non è quindi un tifoso del Napoli dell'ultima ora, ma soltanto il commissario tecnico dell'Italia, nonché un grande uomo di calcio che per la posizione che occupa spesso viene chiamato a delle valutazioni. "Per quanto riguarda lo scudetto, io ribadisco il concetto che ispira da sempre la mia attività: vinca il migliore", con queste parole il ct spegne sul nascere una pericolosa, quanto inutile, polemica di fine stagione.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: