Napoli, Mazzarri: "Io alla Juve? Marotta sa bene cosa voglio"


Domani sera su canale 5 andrà in onda una puntata speciale del Chiambretti Night con ospite l'allenatore del Napoli Walter Mazzarri. Il tecnico toscano ha risposto a domande riguardanti molti argomenti, anche sui problemi avuti con alcuni colleghi allenatori. Nella passata stagione non sono mancati momenti di tensione con José Mourinho e lo stesso è successo quest'anno con Massimiliano Allegri nei giorni che hanno preceduto la sfida tra il Milan ed i partenopei. Secondo Mazzarri non è lui l'antipatico della situazione perché non è mai stato lui ad iniziare le discussioni.

«Mi sono fatto la fama che ho problemi con colleghi, ma molte volte non si vede che le battute vengono da altri e io rispondo. Se foste stati attenti prima della partita col Milan io ho risposto a battute di altro. Ognuno di noi ha fatto percorsi diversi, come uomo non lo conosco, come allenatore conosco i suoi trascorsi. La frase che un asino non diventerà mai un cavallo di razza? Non la disse Mourinho ma un suo galoppino. Quando c'è stato da discutere della prestazione dell'Inter a Napoli, lui non volle riconoscere che il Napoli giocò meglio dell'Inter. Lui disse che non ho mai vinto la coppa Toscana? Bisogna vedere il valore delle squadre che abbiamo allenato e fare il calcolo degli investimenti fatti dalle società».

Incredibilmente il suo Napoli sta reggendo il ritmo fino alla fine, e potrebbe ancora vincere lo scudetto qualora il Milan facesse qualche passo falso nelle ultime partite. Mazzarri ci spera: «Faccio spesso gli scongiuri stiamo andando oltre ogni prospettiva, ci sono ancora 21 punti in palio e può succedere di tutto, cercheremo di andare più in alto possibile. Faccio la corsa su di noi e alla fine tireremo le somme. Quando ci sono annate così imprevedibili vuol dire che tutte le componenti hanno funzionato al meglio, non solo l'allenatore».

Il suo presente è il Napoli, ma nel futuro del tecnico livornese potrebbe esserci la Juventus, De Laurentiis permettendo naturalmente. La Juventus sta cercando un allenatore per la prossima stagione ed Andrea Agnelli è rimasto stregato dal gioco di Mazzarri. Qualora dovesse arrivare a Torino, ritroverebbe Beppe Marotta con il quale ha avuto un rapporto abbastanza complicato ai tempi della Samp: «Io alla Juve? Non deve fare la domanda. Con l'attuale dg bianconero Marotta ci sono state discussioni ai tempi della Sampdoria perchè non era abituato ad allenatori che giocano con difesa a tre. Ora però sa benissimo cosa vuole Mazzarri se dovessimo ritrovarci insieme, ma questo non vuol dire che andrò alla Juventus».

Marotta ed Agnelli adesso sono avvisati. Se vorranno Mazzarri allenatore lo dovranno ascoltare anche per il mercato.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: