Zamparini tranquillizza Lotito: "Nessun regalo alla Roma"


Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, entra nella polemica tra Roma e Lazio innescata dai timori manifestati da parte dei biancocelesti su un possibile scarso impegno dei siciliani, ormai fuori dalla corsa alla Champions League, nella sfida in programma sabato all'Olimpico:

"Pensavamo di potere essere anche noi in lotta per la Champions e invece non ci siamo, ma saremo motivati e Lotito che sta lì appollaiato sul cornicione a vedere che succede deve stare tranquillo. Il Palermo non regalerà nulla, vogliamo fare una bella partita, lo voglio io, lo vuole Rossi e i palermitani. E poi spero ancora di prendere la Juventus all'ottavo posto, anzi faccio un pronostico, vinciamo 2-0 noi. Se ho paura di Totti? Moltissima, è un grandisismo campione e un grandissimo uomo perchè a questa età sta così bene sul piano fisico."

Il patron rosanero esclude poi la possibilità di cessioni importanti, inclusa quella dell'argentino Pastore, al termine della stagione, esprimendo rammarico per quelle effettuate la scorsa estate:

"Il Palermo non è il supermercato di nessuno. Ho già ribadito che Pastore non va neanche al Chelsea, figuriamoci alla Roma e lui vuole restare. Ho un'idea per il prossimo anno? Penso che sia stato questo il Palermo più forte e la mia rabbia è stata motivata dal fatto che ritenevo di avere una squadra forte, sicuramente qualcosa ha funzionato male. Confermerò i giocatori importanti, quali Pastore e Ilicic e ne prenderò 3-4 per rinforzarlo, non nomi ma giocatori di qualità poi magari andrà via qualcun'altro che ha bisogno di cambiare aria. Io penso di fare sempre una squadra più forte. Cavani e Kjaer sono andati via perché lo volevano. Pentito del prezzo di Cavani? No, in quel momento solo il Napoli ha fatto quel prezzo ed era quello di mercato. Per me è stato un grande sacrificio perché al secondo posto potevamo esserci noi con Cavani."

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: