Zarate si presenta in ritardo a Formello, rischia la tribuna a Catania

mauro zarate

Mauro Zarate ci ricasca, l'argentino questa mattina si è presentato in ritardo all'allenamento di rifinitura in programma a Formello, dove la Lazio si è riunita prima di partire per Catania. Il giocatore è arrivato al centro sportivo a mezzogiorno, con un ora di ritardo rispetto all'appuntamento che era fissato per le 11 di mattina. Ovviamente l'attaccante non ha potuto svolgere l'intera seduta con i compagni, limitandosi giusto a qualche giro di campo in solitaria.

L'episodio è stato riferito dallo stesso allenatore laziale, Edy Reja lo ha raccontato ai giornalisti nel corso della tradizionale conferenza stampa che anticipa le trasferte: "Non si è ricordato l'orario della rifinitura. Stamattina si è presentato alle 12, anzicché alle 11 e non si è allenato. Il programma della settimana è affisso per tutti fuori dallo spogliatoio, ma non so ancora come mi comporterò con l'argentino". L'allenatore vorrebbe punirlo spedendolo in tribuna, anche per dare il buon esempio agli altri, ma in una fase così importante della stagione l'apporto dell'attaccante potrebbe risultare decisivo.

Alla fine probabilmente Reja opterà per una via di mezzo, lo metterà cioè in distinta facendolo però partire dalla panchina. In settimana i biancocelesti hanno provato molto il 4-3-1-2, ma la sensazione è che l'allenatore si affiderà al suo solito 4-2-3-1. Se così fosse, dietro a Floccari unica punta agirebbero Sculli e Mauri più larghi con Hernanes in posizione centrale, davanti alla difesa si piazzeranno Ledesma e Bresciano, che sostituisce l'infortunato Brocchi. L'ultimo dubbio di Reja riguarda la difesa, ci sono da verificare le condizioni psicologiche di Radu che in settimana è stato colpito da un lutto in famiglia, il padre del difensore è scomparso prematuramente. L'allenatore goriziano è comunque fiducioso per la gara del Massimino, convinto che chiunque scenderà in campo riuscirà a dare il 100%.

  • shares
  • Mail