Allegri dopo il ko del Napoli: "Non vincere lo scudetto sarebbe un suicidio"


Intervistato nel corso della trasmissione televisiva Controcampo, l'allenatore del Milan, Massimiliano Allegri, esprime la sua soddisfazione per la sconfitta del Napoli, grazie alla quale la sua squadra è ormai ad un passo dalla conquista del suo diciottesimo scudetto:

“Sei punti in questo momento della stagione sono tanti, ma finché non ci sarà la matematica non parlo. E’ ancora lunga e difficile, certo la sconfitta dell’Inter e soprattutto quella del Napoli ci danno un’ulteriore spinta verso lo scudetto: ora sta a noi, devo ammettere che a questo punto non vincerlo sarebbe un suicidio, ma non dobbiamo pensare di averlo già vinto. Come commento la sconfitta del Napoli? Era difficile prevederla, viste anche le assenze di Sanchez e Di Natale, certo Guidolin ha preparato la partita benissimo e la sua Udinese ha meritato di vincerla.”

Il tecnico dei rossoneri esclude poi una possibile partenza del bomber svedese Zlatan Ibrahimovic, finito nell'occhio del ciclone dopo le due espulsioni consecutive dovute a comportamenti scorretti che lo hanno costretto a restare in tribuna proprio in questo decisivo finale di stagione:

“Se nel futuro del Milan ci sarà al cento per cento Ibrahimovic? Direi proprio di sì. Ibra non ha un problema caratteriale: è molto autocritico e il suo modo di giocare e il suo fisico lo rendono irruente. Non dobbiamo attaccarlo perché si chiama Ibrahimovic: non ha nessun problema con gli arbitri, ha avuto un comportamento esemplare in tutto l’anno e io spero che gli venga scontata la squalifica. Poi sotto l’aspetto tecnico-tattico è un giocatore fondamentale.”

Allegri rassicura poi i tifosi sulle condizioni di Pato, il cui infortunio non sembra essere nulla di grave e lancia infine un suggerimento alla società per la prossima campagna acquisti, dichiarando di apprezzare molto il centrocampista partenopeo Marek Hamsik.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: