Nuovi acquisti Juve: i fratelli Appelt si presentano


Una settimana fa l'ufficialità, passata a dire il vero abbastanza in sordina: la Juventus si è assicurata le prestazioni di due giovani giocatori (e fratelli) brasiliani, ma col passaporto comunitario, che hanno 17 e 18 anni. Il più forte dei due (nonché più giovane essendo nato nel settembre del '93, a differenza del fratello, un '92) si chiama Gabriel Appelt Pires e di professione fa il centrocampista: su di lui avevano messo gli occhi anche Liverpool, Villarreal e Inter, alla fine l'ha spuntata la coppia Marotta - Paratici che con un blitz torinese si è assicurato le prestazioni del mediano carioca, fino a dieci giorni fa in forza al Resende.

Squadra di un sobborgo poco fuori Rio de Janeiro, il Resende gioca nel campionato carioca dove, tra le altre squadre, battagliano anche Flamengo e Fluminense; proprio contro i rossoneri, Gabriel ha sfoderato una delle migliori prestazioni della sua fin qui giovane carriera, appiccicandosi come un mastino su Ronaldinho e, di fatto, non facendo fare granché al Gaucho (era febbraio). Dopo quell'exploit altre belle partite, cosicché alla fine il 17enne si è meritato le luci dei riflettori: la Juve ha accelerato in maniera decisiva, due milioni di euro più bonus per assicurarsi le sue prestazioni e quelle del fratello, il 18enne Guillermo, seconda punta di movimento.

I due giovanotti saranno a disposizione dal luglio prossimo, risultando di fatto i primi due acquisti del (ennesimo) nuovo ciclo juventino; e oggi hanno anche parlato mediante un'intervista doppia rilasciata a Sky Sport. Ne riportiamo alcuni stralci, rimandando al sito Tuttojuve.com per chi la voglia leggere per intero.

Guilherme: "Non servono parole per descrivere la Juventus, è il club più vincente d'Italia. C'è Del Piero che per me è un idolo. Spero proprio di poter crescere con lui e con tutta la squadra".
Gabriel: "Nel calcio italiano sto seguendo la Juventus, ammiro molto Del Piero, è un giocatore incredibile. Mi sento già uno di voi".

Guilherme: "Gabriel è un centrocampista che ha molta forza fisica, ma anche grande qualità: sa organizzare il gioco, recuperare palloni a metà campo".
Gabriel: "Guilherme è forte e intelligente. Ha la capacità di prendere decisioni molto rapidamente. Possiede la forza fisica che il calcio italiano richiede. Questo è molto importante".

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: