L'ambizioso Joel Campbell: il giovane costaricano che ha rifiutato l'Arsenal

joel campbell

In attesa di conoscere il trionfatore di questa sorprendente Coppa America che vede affrontarsi in finale Uruguay e Paraguay, è il Costarica a regalarci un'altra storia da raccontare. Nei giorni scorsi avevamo parlato di Francisco Calvo, il difensore dilettante che aveva bloccato Messi e Falcao, oggi a fare notizia è invece il giovane attaccante Joel Campbell. La sua nazionale non ha superato il primo turno, lui però è riuscito a mettersi in mostra contro la Bolivia realizzando un gol e facendo letteralmente impazzire i difensori avversari. Nonostante la sua giovane età, appena diciannove anni, aveva impressionato anche nel corso della precedente Gold Cup.

Su si lui sono conversi gli interessi di molti club europei, tra cui anche alcuni italiani come Juventus, Fiorentina e Genoa. A presentare l'offerta più allettante però è stato l'Arsenal che, su ordine di Arsene Wenger, ha mandato subito i suoi emissari in Sud America per convincere il giovane talento costaricano a trasferirsi in Inghilterra. Richard Law si è presentato alla sede del Deportivo Saprissa per trattare con la società detentrice del cartellino del ragazzo, alla fine è stato raggiunto l'accordo. Campbell accetta un contratto con una base di ingaggio di 800 mila euro a salire negli anni.

Sembra tutto fatto, il giocatore sostiene anche le visite mediche di rito, il giorno della firma però non si presenta in sede. Dopo un buon numero di tentativi il presidente del DSaprissa riesce a rintracciarlo e scopre che è impegnato a rilassarsi nel suo giardino di casa e che non ha nessuna intenzione di firmare per l'Arsenal. Dietro questa decisione sembra che ci siano le pressioni del padre-agente che ha capito come il figlio possa essere una vera e propria gallina dalle uova d'oro. A fine luglio parte il mondiale Under 20, una vetrina importante per il ragazzo, che potrebbe così veder crescere la sua quotazione.

Abbastanza contrariato il presidente del Deportivo Saprissa, Juan Carlos Rojas, che ha commentato: "Non so cosa dire, sono allibito. Certi ragazzi non si rendono conto che ci sono opportunità che vanno colte". L'emissario dell'Arsenal ha stracciato il contratto ed è tornato in Europa infuriato, il padre di Campbell non ha fatto una piega spiegando che per una porta che si chiude c'è un portone che si apre, per poi far sapere che il figlio ad un trasferimento nella piovosa Londra preferirebbe il campionato spagnolo o quello italiano. L'amo è stato lanciato con grande furbizia, vedremo se qualcuno abboccherà, molto dipenderà anche dalle prestazioni di Campbell contro i pari età nel mondiale Under 20.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: