Barcellona: presentato ufficialmente Sanchez, le prime parole del cileno

alexis sanchez

La trattativa per portare Alexis Sanchez al Barcellona è stata lunga e per nulla semplice, alla fine per il cileno ha fatto prevalere la sua volontà e cioè quella di giocare nel club che attualmente può considerarsi tranquillamente il migliore al mondo. Sbarcato ieri sera in Catalogna, è stato accolto da una folla molto numerosa che si era radunata all'aeroporto El Prat, tra loro anche molti cileni che vivono in Spagna, evidentemente orgogliosi del loro connazionale.

Sanchez, che il Barcellona ha pagato 26,5 milioni di euro che con i bonus possono arrivare quasi a 40, ha già scelto il suo numero di maglia: sarà la numero 9, quella che in passato è appartenuta a Ronaldo, il fenomeno era un idolo dell'ex udinese fin da quando era bambino. Il giocatore ha spiegato il perché della sua scelta, sulle sue tracce c'erano anche Inter, Manchester City e tanti altri:

"Ho scelto il Barcellona perché per me non contano i soldi ma i titoli. Nell'Udinese ho imparato molto. La differenza con il calcio spagnolo? Quello italiano lo conosco, quello spagnolo devo ancora scoprirlo. Ora sono nella squadra più forte del mondo e sono felice di essere qui. Voglio dimostrare sul campo il mio valore, diventare uno dei migliori giocatori del mondo e vincere titoli con il Barcellona".



Appare seccato quando provocano ad appiccicargli l'etichetta di nuovo Cristiano Ronaldo, precisando di voler crescere e imparare grazie all'aiuto dei tanti campioni presenti in blaugrana:

"Lo rispetto, ma io sono Alexis e non voglio essere paragonato con nessuno. Imparerò dai grandi campioni che sono qui, a cominciare da Messi e Xavi".

Ascoltando le parole di Sanchez scopriamo che un grosso peso nella trattativa lo ha avuto una telefonata di Pep Guardiola direttamente al giocatore, oltre ad essere il Barcellona il sogno del padre di Alexis che ora lo vede realizzato:

"Mio padre ha sempre voluto che giocassi nel Barcellona. Ora è una cosa che potrò raccontare ai miei figli. Guardiola? Sì, mi ha chiamato ed è stato molto importante per me. Sapere che mi voleva qui mi ha dato grande fiducia".

Il cileno viene interpellato anche a proposito del possibile arrivo di un altro rinforzo, Cesc Fabregas dall'Arsenal, e ovviamente benedice la trattativa, in fondo non si dice mai di no ad un nuovo campione. Conclude la conferenza stampa Andoni Zubizarreta, parlando dell'ultimo colpo messo a segno e dei piani futuri del club:

"Oggi stiamo presentando uno dei migliori giocatori del mondo: e il 90% dei giocatori del mondo vorrebbe giocare nel Barcellona. Penso che stiamo allestendo una grande squadra, nella scorsa stagione si diceva che avevamo una rosa corta e abbiamo vinto Liga e Champions. La corte del Barcellona per Sanchez è stata continua. Già nella scorsa stagione il club aveva chiesto informazioni su di lui e poi abbiamo continuato a seguirlo".

Ora Sanchez dovrà solo lavorare duro per riuscire a conquistare un posto da titolare, non sarà semplice visti i tanti campioni a disposizione del Barcellona. Ma constata la forza di volontà usata per realizzare il suo sogno di finire in blaugrana, possiamo stare sicuri anche a proposito dell'impegno che metterà una volta sceso in campo.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: