Palermo capolista? Brutto segno

The Financial Times Sembra che lo sport preferito degli inglesi (e non solo) sia diventato lo screditare l'Italia. L'Italia politica, ma anche l'Italia sportiva.

Infatti, mentre (quasi) tutta la Penisola plaude alle imprese del Palermo, capoclassifica al pari dell'Inter, e di altre "provinciali", tra cui le sicule Catania e Messina, il celebre quotidiano inglese "The Financial Times" attacca il calcio italiano, dichiarando che "...quando la Sicilia può competere vuol dire che il sistema è collassato."

Addirittura, gli espertoni d'Oltre Manica, arrivano contortamente a mettere in relazione i successi sportivi delle formazioni isolane con la cattura di Bernardo Provenzano, boss dei boss della mafia.

La farneticante esposizione del giornale raggiunge l'apice quando leggiamo: "La crescita della Sicilia simboleggia il malessere dell’Italia, terra dei campioni del mondo".

E aggiunge: "Non parleremo qui di teste di cavallo o di Al Pacino, ci rifiutiamo di criticare la Sicilia con vecchi luoghi comuni e, in ogni caso, sarebbe sciocco irritare persone capaci di fare offerte che non si possono rifiutare... ".

Ma pensare che Palermo, Catania e Messina siano delle ottime squadre, allenate da Allenatori con la "A" maiuscola, formate da giocatori di buona tecnica che hanno voglia di correre, sarebbe troppo?

Dalle loro parti si direbbe "Mind your own business". Fatevi i fatti vostri.

  • shares
  • +1
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: