Dejan Stankovic dice addio alla nazionale serba, Vidic potrebbe seguirlo

dejan stankovic

La Serbia, dopo la pesante sconfitta con la Slovenia, ha detto addio ai prossimi Europei. La stessa sera il suo capitano, Dejan Stankovic, ha annunciato che la partita di Maribor sarebbe stata l'ultima per lui in nazionale. Il 33enne centrocampista dell'Inter, che aveva debuttato con la Jugoslavia nel 1998 ai Mondiali francesi, lascia dopo 102 partite e 16 gol realizzati. Queste le sue parole dopo il fischio finale rilasciate al quotidiano sportivo serbo Sportski Zurnal: "È stata la mia ultima partita in Nazionale. Stavo aspettando una gara d'addio e quella di oggi lo è stata. È tempo di lasciare spazio ai giovani".

Stankovic ha vestito la maglia di tre rappresentative nazionali diverse a causa della complessa situazione geopolitica dei Balcani. Come detto ha esordito nel 1998 quando ancora esisteva la Jugoslavia con la quale ha disputato anche gli Europei del 2000, in entrambi i casi è arrivata l'eliminazione per mano dell'Olanda. Ai Mondiali del 2006 la selezione ha cambiato denominazione diventando Serbia e Montenegro, la squadra è stata eliminata al primo turno. Infine c'è stata la partecipazione ai Mondiali sudafricani, un'altra eliminazione, ma per Dejan arriva un singolare primato: è l'unico giocatore ad aver disputato tre fasi finali dei Mondiali con tre maglie diverse.

Ieri sera contro la Slovenia Stankovic ha indossato la maglia della nazionale per la 102esima volta, diventando così il giocatore con più presenze nella storia in coabitazione con Savo Milosevic. Ma i problemi per la Serbia potrebbero non finire con l'addio di Stankovic: sempre ieri sera un altro pilastro della squadra, Nemanja Vidic, ha fatto capire che potrebbe seguire le orme dell'interista. Il difensore del Manchester United, più giovane di tre anni rispetto al suo compagno e vice capitano dei serbi, ha detto che ormai i tempi sono maturi per un ricambio generazionale. Peggio non poteva concludersi il girone di qualificazione per una nazionale che ha sempre avuto grandi potenzialità ma che spesso ha disatteso le aspettative su di essa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: