La "vendetta" di Andrea Agnelli, ecco perché Del Piero non rinnoverà con la Juventus


Alessandro Del Piero è stato "omaggiato" dal presidente Andrea Agnelli nel corso dell'assemblea degli azionisti; lo ha ringraziato per il suo lavoro ed ha annunciato che questa sarà la sua ultima stagione in bianconero. Ma si trattava realmente di un omaggio, oppure il presidente della Juventus ha soltanto colto l'occasione per scaricare il numero 10? Molto difficilmente Del Piero si sarà sentito omaggiato dalle parole di Agnelli, anche perché se fosse vero che questa definitiva conclusione della sua carriera in bianconero fosse stata concordata effettivamente nel maggio scorso, le parti in causa allora avrebbero potuto annunciarlo insieme.

Invece in quell'occasione si parlò soltanto dell'ennesimo rinnovo, sottolineando come Del Piero avesse ancora tanta voglia di aiutare la squadra a tornare al vertice, il tutto senza porsi alcun limite temporale. Una conferma? Proprio Del Piero aveva fatto capire fra le righe in un'intervista a Sky di qualche settimana fa di non sapere quale sarebbe stato il suo futuro.

Evidentemente i patti non erano questi, ed anche Del Piero è stato colto di sorpresa preferendo addirittura non rispondere (non senza un pizzico di nervosismo) alle domande di un giornalista presente ad una cena dove era stato invitato come ospite d'onore, come potrete vedere e sentire nel video inserito in fondo al post. E' chiaro che Agnelli avesse in mente di non rinnovare ulteriormente l'accordo, altrimenti non si spiegherebbe come dopo solo 6 partite di campionato sia giunto alla conclusione che quella attuale sarebbe dovuta diventare l'ultima di Del Piero giocatore e capitano. Cosa è successo allora? Semplicemente questa volta Agnelli ha preferito agire in anticipo, per usare un'espressione calcistica, in contropiede.

Premettiamo che le nostre sono soltanto ipotesi, che però si incastrano perfettamente nella cronistoria della vicenda. Nella scorsa stagione il rinnovo di contratto di Del Piero era in sospeso. Il capitano della Juventus voleva prolungare per giocare nel nuovo stadio, mentre la società tergiversava dichiarando più volte di volersi sedere al tavolo della trattative in primavera, nel finale di stagione. In realtà le parti si sono incontrate più volte anche nei mesi precedenti al rinnovo e ben prima del 5 Maggio scorso quando l'accordo venne ufficializzato.

Per zittire le continue voci che circolavano attraverso i media, che parlavano di presunti malumori tra Del Piero e la società legati alle cifre del nuovo contratto, il capitano della Juventus decise di intervenire in prima persona, annunciando nel febbraio scorso che lui avrebbe firmato in bianco pur di restare ancora in bianconero. Con questa mossa probabilmente Del Piero ha spiazzato Agnelli e Marotta che non erano molto convinti di prolungare il rapporto nato nel 1993, "costringendoli" ad offrirgli un contratto per un altro anno.

Dietrologie? Forse. Ma allora perché Agnelli non ha "aspettato la primavera" anche quest'anno? Perché non ha deciso prendere tempo come nella passata stagione per valutare il rendimento di Del Piero ed il suo ruolo nella squadra? Probabilmente questa volta il presidente della Juventus ha voluto giocare d'anticipo, ha preferito evitare che i media iniziassero a parlare di problemi sul rinnovo, anche perché Del Piero aveva già fatto intendere di non escludere nessuna possibilità per il suo futuro. Questa volta non c'erano scuse di sorta da addurre, ed allora ha pensato fosse meglio annunciare a tutti, e con grande anticipo, la separazione a fine anno. Proprio a tutti, probabilmente anche allo stesso Del Piero.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: