Slittamento o recupero? I club di Serie A litigano anche su questo

Scritto da: -

milan, genoa

L’annullamento di tutte le partite di calcio per la tragica morte di Piermario Morosini aveva fatto già discutere abbastanza, gli addetti ai lavori in coro avevano parlato di decisione necessaria e dovuta, della stessa opinione non erano molti tifosi che per questo motivo hanno dovuto subire più di qualche disagio. Nelle ore successive al drammatico evento di Pescara sembrava addirittura blasfemo cercare di contestare, seppur con ragionevoli motivazioni, il provvedimento preso con insolita rapidità dalla Figc. La domenica di riflessione è passata, le televisioni non hanno potuto riempire i palinsesti con le notizie dai campi, in compenso non sono mancati gli speciali dedicati al povero Morosini, e oggi il mondo del pallone italico sembra essere tornato ai consueti dissidi.

Il motivo del contendere è proprio la giornata saltata nell’ultimo fine settimana, in particolare i club e la Lega non riescono ad accordarsi su come e quando rigiocarla.
Slittamento o recupero? Di sicuro si sa solo che si giocherà anche il 25 aprile, con tanti saluti a Prandelli e al suo tanto agognato stage, quello che non si sa ancora è se quel giorno si giocheranno le partite dell’ultimo fine settimana o quelle del prossimo. La Lega aveva fatto già ieri un sondaggio telefonico tra le venti società e da subito era emerso chiaro un dato: una decisione unanime non era possibile. Per questo oggi è stato convocato un consiglio straordinario per discutere di persona sulla soluzione da adottare.

Da quello che è trapelato le società contrarie allo slittamento, soluzione preferita in Lega, sono tra le altre Inter, Genoa, Napoli e Udinese. Secondo questi club c’è ben poco da decidere basta appellarsi al regolamento che dice chiaramente che in caso di partite non disputate le stesse devono essere recuperate nella prima data utile, che sarebbe appunto mercoledì 25, ma solo di pomeriggio perché il regolamento Uefa vieta di sovrapporre competizioni nazionali a eventi internazionali e quella sera c’è in programma Real Madrid - Bayern Monaco. La soluzione del recupero di sicuro è quella preferita anche dai tifosi che magari hanno già organizzato viaggi e trasferte per le partite del prossimo fine settimana, partite a cui probabilmente non potrebbero assistere nel caso fossero giocate in un turno infrasettimanale, sebbene il 25 sia festivo.

A questo punto però non c’è più tempo per litigare e una decisione, qualunque sia, verrà presa entro oggi. Gli stessi protagonisti di questa storia non hanno mancato di sottolineare quanto sia sgradevole una polemica di questo tipo in un momento in cui sarebbe più opportuno discutere di altri problemi di sicuro più seri, ad esempio interrogarsi su cosa ancora si può fare per evitare che storie come quella di sabato non si verifichino più. Particolarmente duro il giudizio di Franco Baldini, il direttore generale della Roma invita tutti ad una maggiore serenità:

“Riusciamo ogni volta a dimostrare quello che siamo: persone che anche nelle situazioni più tragiche, come quella a cui è dovuta la sospensione del campionato, non riescono a non cadere nel ridicolo. Dopo più di un giorno e mezzo passato in frenetiche consultazioni telefoniche con le proprie società affiliate una Lega Calcio evidentemente delegittimata in quelle che dovrebbero essere le sue funzioni, non è ancora in grado di prendere una decisione in merito alla giornata di campionato che avrebbe dovuto svolgersi tra ieri ed oggi. Posto che la Roma avrebbe accettato, così come accetterà, qualsiasi decisione la Lega sia in grado di prendere, la stessa società, consultata al riguardo, aveva dato parere favorevole alla proposta della stessa Lega di far ’slittare’ la giornata di campionato piuttosto che ad un rinvio della stessa, anche per non prestare il fianco ad eventuali polemiche riguardo la regolarità del campionato. Parere, ci è stato detto, condiviso dalla stragrande maggioranza degli altri Club. Eppure, nemmeno in presenza di questi elementi, la Lega è in grado di prendere decisioni, impegnata com’è a fronteggiare coloro che privilegiano i propri interessi particolari rispetto ad ogni altra considerazione”.

Chi sono coloro che privilegiano i loro interessi particolari non è dato saperlo. Stupefatto e dispiaciuto per le polemiche di queste ore anche il presidente dell’Aia Marcello Nicchi: “Un dramma che deve riportare tutti con i piedi per terra. Io sono dalla parte del presidente Abete perchè decidere in quei momenti non è facile: noi abbiamo fermato tutto, ci siamo adeguati a una decisione che condivido in pieno. Che anche su queste cose si riesca poi a litigare mi lascia senza fiato”. Nel dibattito è intervenuto ovviamente anche il presidente della Lega di Serie A, Maurizio Beretta, che si augura che possa essere raggiunto un accordo con serenità:

“Certamente ieri il livello del dibattito è stato esagerato per alcuni aspetti. Non cambia molto se si sceglierà la soluzione dello slittamento o viceversa. Mi auguro che il confronto di oggi sia sereno e in grado di arrivare a una decisione giusta per tutti. Noi oggi una decisione la prenderemo di sicuro, quello che spero è che vedendoci di persona, si possa affrontare la questione con più tranquillità”.

E questo in fondo è quello che sperano tutti, non fosse altro come segno di rispetto nei confronti dello sfortunato Morosini. Quello che però non si può fare a meno di notare è l’effettiva “delegittimazione”, come l’ha definita Baldini, della Lega e non è certo questa la prima volta in cui ne viene offerta una prova. Ricordiamo quello che accadde alla morte di Papa Giovanni Paolo II, anche in quell’occasione venne annullata in fretta e furia la giornata di campionato e per la prima volta fu varata l’inedita soluzione dello slittamento che non mancò di generare polemiche, proprio come sta accadendo ora. Ecco, forse è proprio questo l’aspetto più avvilente di questa storia, vedere che gli anni passano e il nostro calcio, che è anche specchio del nostro paese, non sembra accorgersene.

Foto | © TMNews

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Slittamento o recupero? I club di Serie A litigano anche su questo

    Posted by: Giovi 88

    Recupero, assolutamente! Lo slittamento sarebbe una decisione pesante che rischia di pesare sul campionato! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Slittamento o recupero? I club di Serie A litigano anche su questo

    Posted by: ksenesk

    recupero, non vedo neanche perchè porre il problema Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Slittamento o recupero? I club di Serie A litigano anche su questo

    Posted by:

    Fra l'altro l'assurdo è discuterne in un campionato in cui ci sono state moltissime partite rimandate senza slittare tutto: scioperi, acqua, neve… Poi se avessi già un biglietto per la partita me lo farei rimborsare con anche i danni se la slittano così senza motivo Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Calcioblog.it fa parte del Canale Blogo Sport ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.