Alex DJ


La speranza è che lo abbia fatto per divertimento.

Spero cioè che Alex Del Piero, di cui apprezzo l'intelligenza, non pretenda di farci tanti soldi con la sua compilation "The best of Alessandro Del Piero", presentata oggi con tanto di conferenza stampa.

Altrimenti mi tocca pensare che alle follie del mondo del calcio non ci sarà mai fine.

Già perchè non si capisce proprio perché uno dovrebbe comprare una compilation che va dagli Oasis, a Jamiroquai, passando per Robbie Williams, miscelati (non mixati) non si sa bene come da Alessandro Del Piero.

Cos'é che mi sono perso? Qualcosa che non mi riesce di rintracciare in un frullato di musica iper-comune, o l'affermazione delle più strampalate leggi del marketing?

Finirà che compreremo una raccolta cinematografica, selezionata da Materazzi?

Probabilmente sono io che prendo tutto male, perchè il tono dell'articolo di TGCom è assolutamente entusiasta: guai se Alex non avesse individuato negli Oasis l'ideale sostegno a una serata romantica, o non ci indicasse la perfezione di Anastacia per una giornata primaverile....

Già, peccato però che se in quella perfetta giornata primaverile l'Inter perde, vedi dove vanno a finire Anastacia e la mirabile compilation di Del Piero.

Insomma caro Alex, finchè ce le suoni con i piedi va bene, chapeau, ma il DJ lascialo fare a chi lo fa per passione e con cultura, perché già tra chi lo fa per mestiere che ne sono troppi che non ci sanno proprio fare.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: