Italia - Qualificazione e pericolo Biscotto, quali sono i risultati utili?


C'è nuovamente il pericolo del "biscotto". Come in Euro 2004 quando l'Italia venne eliminata dal "tattico" 2-2 fra Svezia e Danimarca la storia rischia di ripetersi. Dopo il pareggio contro la Croazia gli azzurri sono fermi a quota 2 punti in classifica, presupponendo la vittoria della Spagna contro l'Irlanda stasera (conditio sine qua non per tutti i calcoli che seguono) quando le quattro squadre avranno giocato tutte due partite la situazione di classifica sarà la seguente:

Spagna 4
Croazia 4
Italia 2
Irlanda 0

Se l'Italia batterà l'Irlanda dovrà comunque guardare il risultato di Croazia - Spagna per capire il suo destino.

L'Italia si qualificherebbe nei seguenti casi:

1) Vittoria di Spagna o Croazia, non importa il punteggio
2) In caso di pareggio 0-0 fra Spagna o Croazia, non importa il punteggio
3) In caso di pareggio 1-1 fra Spagna e Croazia, l'Italia dovrebbe vincere con due gol di scarto con l'Irlanda, ma non basterebbe il 2-0 sarebbe necessario almeno un 3-1 (quindi con 3 gol segnati dagli azzurri) per "pareggiare" il risultato ottenuto dai croati con gli irlandesi e far valere il migliore coefficiente Uefa degli azzurri.

Il problema è che l'Italia non si qualificherebbe nel caso in cui dovesse finire in parità, ma con almeno il 2-2 (o superiore) fra Spagna e Croazia. Nella classifica avulsa conterebbero i gol segnati negli scontri diretti, noi saremmo fermi a 2 centri, Spagna e Croazia ne avrebbero 3 e ci butterebbero fuori. Proprio come accadde in Euro 2004 quando Svezia e Danimarca confezionarono il famoso "biscotto scandinavo".

Foto | © TM News

Vota l'articolo:
3.90 su 5.00 basato su 62 voti.  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO