Sampdoria - Genoa, blucerchiati in coro: "Derby, partita che vale una stagione"

I blucerchiati sono già con la testa a domenica, il derby non è una partita come le altre e a volte può incidere su un'intera stagione.

In attesa del derby con il Genoa che si giocherà domenica prossima, 15 settembre, alle 20:45, la Sampdoria si è ritrovata oggi a Bogliasco agli ordini di Delio Rossi. La novità di questa settimana riguarda il campo di allenamento, quello principale non è agibile a causa di lavori di manutenzione al manto erboso, così i blucerchiati si dovranno allenare in quello "superiore", lontano dalle telecamere e sarà così per almeno un paio di settimane. Questo però non influenzerà il normale svolgimento della preparazione a quella che per i tifosi, ma non solo, è una partita speciale, che in alcuni casi può valere l'intera stagione e no, non è solo un modo di dire, anche se siamo appena alla terza giornata di campionato.

L'inizio dei genovesi non è stato col botto, all'esordio hanno rimediato una sconfitta per 1-0 contro i campioni d'Italia della Juventus che ci poteva stare, poi è arrivato il pareggio per 2-2 al Dall'Ara contro il Bologna. La stracittadina può rappresentare l'occasione migliore per dare una sterzata al campionato, per conquistare la prima vittoria e acquistare sicurezza, aspetto fondamentale per una squadra giovane come la Doria. Lo sa bene Gastaldello, intervistato da Sky Sport in occasione dell'incontro in Lega tra arbitri, dirigenti e capitani, lui che di partite come queste ne ha giocate già un bel po':

Sarà una partita molto importante e delicata come sempre nel derby. In questa settimana ci prepareremo nel migliore dei modi per arrivare pronti alla sfida. Siamo una squadra giovane che sta crescendo bene, come dimostrato a Bologna nell'ultima di campionato. Il derby può dare la svolta alla nostra stagione.

Un altro protagonista atteso della partita è Vasco Regini, di ritorno dall'Empoli e reduce da un infortunio che lo ha costretto a seguire un programma di recupero differenziato, dovrebbe tornare a disposizione dell'allenatore in tempo utile per essere schierato tra i titolari domenica sera. Il giovane dice di stare bene, di aver smaltito la botta che lo ha costretto ai box, e di essere pronto a seguire le indicazioni di Delio Rossi che vorrebbe avanzargli la posizione in campo, portandolo da terzino a esterno sinistro nel suo 3-5-2. Riguardo al derby non ha nessun dubbio, si tratta di una partita speciale e per questo va affrontata con la giusta concentrazione senza però lasciarsi prendere dalla tensione:

Siamo consapevoli che sia una settimana diversa dalle altre perché domenica c'è una partita che vale una stagione. Facciamo un allenamento più del solito appunto per preparare questa partita che è diversa dalle altre. La tensione è giusto che ci sia, non paura, ma tensione positiva per approcciare al meglio la partita. La settimana di sosta penso sia stata positiva perché così abbiamo una settimana in più per preparare una partita importante. Sarà il campo a dire se è un bene o un male. Ai nuovi non abbiamo detto nulla in particolare, chi viene qua capisce fin dal primo giorno che il derby non è una partita come le altre.

Fresco di convocazione in nazionale, parla anche l'altro uomo di fascia, quel De Silvestri convocato da Prandelli per la sfida contro la Repubblica Ceca dopo l'infortunio di Ignazio Abate. L'ex Lazio si dice orgoglioso della maglia azzurra e per questo preferisce rimanere concentrato sulla partita dello Juventus Stadium, poi ci sarà tutto il tempo per pensare a domenica sera:

È un orgoglio per Genova, sia per la Samp che per il Genoa, che ci siano quattro giocatori che militano in Nazionale. Se sono in clima derby? Sicuramente. Per adesso però pensiamo alla sfida di martedì che è molto importante che ci teniamo a passare il turno e poi mercoledì si pensa al derby.

Chi ha dovuto cominciare già da oggi a pensare alla sfida è Delio Rossi che deve risolvere alcuni dubbi di formazione. L'elenco degli indisponibili è ristretto ai soli Pozzi e Berardi, con Regini e Castellini reduci dal differenziato ma sulla via della completa guarigione. Fino a mercoledì l'allenatore dovrà fare a meno dei nazionali De Silvestri, Krsticic, Obiang, Salamon, Wszolek e Mustafi. Rientreranno fra due giorni anche Gabbiadini e il nuovo acquisto Bjarnason, il primo è sicuro di avere una maglia da titolare, farà coppia in avanti con Eder, il secondo ha ottime possibilità di scendere in campo dal primo minuto.

L'islandese è stato protagonista nel 4-4 contro la Svizzera e, anche alla luce delle prestazioni poco convincenti di Eramo e Renan, titolari nelle prime due uscite, potrebbe essere l'arma in più nelle mani di Rossi. Il lavoro settimanale aiuterà il tecnico a sciogliere tutti i nodi, quelli che scenderanno in campo domenica saranno sicuramente i migliori, in un derby non c'è spazio per i calcoli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail