Mettiti il casco!




Come si fa a criticare una normativa per la sicurezza dei calciatori, senza sollevare un vespaio?
Semplice: non si può, quindi ditemene di tutti i colori, ma a me la novità che la FIFA pensa di importare dagli USA, mette un pò tristezza.

E non penso di avere tutti i torti, leggendo l'ultimo dei commenti degli eminenti personaggi che hanno detto la loro sulla novità, quello di Donald Kirkendall, medico della Fifa: "...Il casco è una soluzione». E, pensando alle griffe degli sponsor, potrebbe essere un nuovo spazio da «vendere...".

Ah ecco! Poche balle: si tratta di un modo per guadagnare più soldi...che tristezza, appunto.




Sicuramente, va detto, adottando una protezione per la testa, i rischi da contusione al capo si riducono decisamente, come dice la FIFA, del 50%.

Ma va anche detto che non si può essere così sfacciatamente ipocriti: da che esiste il calcio, danni cerebrali gravi subiti da calciatori se ne sono verificati, ma in numero decisamente contenuto.

Un numero inconsistente, se paragonato ai danni cerebrali e neurologici gravi e le morti causate dal doping.

Perché invece allora la FIFA non combatte il doping, invece di far finta di contrastarlo?

Anche in questo caso la risposta è scontata: perché il doping genera quattrini, il doping trasforma i calciatori in super-uomini e ne fa esempi da imitare, recandosi in un negozio per comprare gli integratori, o dal dottore, amico dell'amico, per farsi dare la Bomba.

  • shares
  • +1
  • Mail