Panico in Besiktas-Galatasaray: sospesa per invasione dopo un fallo di Felipe Melo | Video e Foto

Caos nel derby di Istanbul

Caos totale a Istanbul durante l'accesissimo derby tra Besiktas e Galatasaray. La partita è stata sospesa a pochissimi minuti dal termine, poco dopo il 93' minuto sul risultato di 2-1 per gli ospiti del Galatasaray, avversari della Juventus in Champions League. I giallorossi, dopo aver subito il goal di Hugo Almeida, erano riusciti a ribaltare la situazione con la doppietta di Didier Drogba. Ma negli ultimi minuti accade l'impensabile: al '93 l'ex juventino Felipe Melo ha reagito con un violento fallo nei confronti del connazionale Ramon Motta, ex-Corinthians e Vasco da Gama, reo di non aver restituito il pallone alla sua squadra.

Si è scatenata quasi una rissa tra i giocatori in campo, ma sulle tribune accadeva di peggio. Felipe Melo, non contento della sua nuova discutibile "performance", ha provocato i tifosi avversari mentre usciva dal campo mostrando la maglietta del Galatasaray. Dalle tribune pioveva di tutto e alcuni tifosi del Besiktas hanno invaso il terreno di gioco. Sono stati fermati dalle forze dell'ordine. Poco dopo, però, il numero di persone in campo, con intenzioni non certo pacifiche, è aumentato causando il fuggi fuggi generale degli steward. La confusione ha costretto l'arbitro ed i ventidue giocatori in campo a rientrare negli spogliatoi e a non poter più concludere gli ultimi minuti della partita.

Decine di teppisti, alcuni armati di bastoni, sedie e altri oggetti contundenti, hanno continuato a imperversare nell'impianto e la situazione è sfuggita di mano. Il gioco è stato interrotto, e non è stato più ripreso. Adesso si attendono le decisioni disciplinari che potrebbero essere pesantissime per il Besiktas (probabili la vittoria a tavolino e una lunga squalifica del campo), ma anche per la squadra di Fatih Terim e soprattutto per Felipe Melo.

Foto | Besiktas-Galatasaray sospesa per invasione dopo un fallo di Felipe Melo


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail