Coppa Uefa: eliminate anche Udinese e Palermo

Fuori in blocco la pattuglia italiana di Coppa Uefa. All'eliminazione della Roma di mercoledì sera, si sono aggiunte quelle di Udinese e Palermo, sconfitte rispettivamente dal Levski Sofia (2-1) e dalllo Shalke 04 (3-0).

Cominciamo dalla sconfitta dei friulani. Dire che i bianconeri fossero decimati è poco: a casa restano pezzi da novanta come Iaquinta, Candela, Muntari, Felipe, Di Natale. Ma la partita si mette subito bene: siamo al 23', punizione di Baronio, palla a centro area per Tissone e Udinese in vantaggio.

Al 45' i padroni di casa sbagliano un gol già fatto, azione sulla destra, la sfera arriva a Yovov che a porta vuota fallisce clamorosamente. La partita sembra tutta in discesa, ma così non è. Siamo al 6' della ripresa quando Rossini favorisce involontariamente Borimirov, che da pochi passi insacca. Passano solo due minuti e stavolta è Tomasic di testa, su invito di Wagner, a ribaltare il risultato e a far conquistare ai propri compagni i quarti di finale.

Il Palermo, vittorioso per uno a zero all'andata, prende tre pappine da una delle favorite per la vittoria finale. Rosanero in formazione tipo (o quasi). Partono abbastanza bene sfiorando il gol al 22' con un pallonetto di Mutarelli. Ma il fattaccio avviene al 43': capitan Corini salva con la mano un gol praticamente fatto di Bajramovic. Rigore per i padroni di casa e Palermo in dieci. Dal dischetto realizza Kobiashvili, tutto da rifare.

Papadopulo inserisce Makinwa e Tedesco, ma i cambi non producono gli effetti desiderati, al contrario lo Shalke dilaga. Al 72' è Larsen su cross di Asamoah a siglare il due a zero (complice l'estremo palermitano), e più tardi è Azaouagh, servito sempre dall'ottimo Asamoah, a chiudere definitivamente il discorso qualificazione.

Risultato forse troppo pesante, ma considerando i 180', tedeschi sicuramente più bravi. Speriamo di consolarci con la Champions.

  • shares
  • +1
  • Mail