Un Milan spuntato va in bianco a Mosca

Willy Aubameyang Nella sede della finale dell'edizione 2007/08 della Champions League, il Milan perde ai calci di rigore contro il PSV Eindovhen per 4-3.
Quasi inevitabile il copione e anche il risultato al 90esimo: 0-0.
Quasi inevitabile perchè gli schemi ipercollaudati dei Campioni d'Europa riescono ad irretire gli olandesi, rendendoli pressochè inoffensivi.
Ma allo stesso tempo il solo Willy Aubameyang di punta, se pur supportato da Kakà e Seedorf, non è sufficiente per essere incisivo in attacco.
Rossoneri sterili e imballati, che offrono un discreto primo tempo, sfiorando il vantaggio con Pirlo, che colpisce il palo con una botta dalla distanza.
Curioso l'esperimento di Ancelotti che, con l'uscita dell'attaccante della Primavera, ha provato Ambrosini di punta.
Finisce a reti inviolate, senza infamia e senza gloria, il primo incontro della Russian Railway Cup.
Ai rigori, nonostante la parata iniziale di Dida, risultano decisivi gli errori di Gourcuff e Seedorf.

Nell'altra gara del Torneo, il Real Madrid travolge i padroni di casa del Lokomotiv Mosca per 5-2, dopo aver chiuso sotto oer 0-2 il primo tempo.
I marcatori: Ivanovic al 4' e Traoré al 22' per i moscoviti; Guti al 52', Higuain al 53', Saviola su rigore al 62', Guti all'89' e Balboa al 90' per i blancos di Shuster.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: