Fiorentina-Roma. Riflessioni "viola"

Chi si aspettava una partita spettacolare è rimasto deluso. Fiorentina-Roma è stata una brutta gara, con poche occasioni da gol e molto possesso palla dei giallorossi, tanto bravi a costruire gioco quanto sterili sotto porta.

Se la Roma avesse avuto un attaccante come Toni, a quest'ora, probabilmente lotterebbe per lo scudetto.
Ma per fortuna nostra e della Juventus non ce l'ha, e le sortite offensive vengono lasciate a Cufrè o Dacourt che sono ottimi
giocatori ma il fiuto del bomber, sicuramente, non ce l'hanno.

Per quanto riguarda la fiorentina, che dire?
Stessa mentalità adottata per la trasferta di Milano. Una punta, qualche tentativo di contropiede, e poca sostanza in difesa e a centrocampo.
Brocchi è stato meno brillante di altre occasioni e sia Fiore che Jorgensen hanno spinto poco sulle fasce.
Grande prestazione invece di Jimenez, sempre più tonico e frizzante, e di "Gatto" Lobont ripresosi dalla ultime prestazioni deludenti.

Una cosa è certa. Chi andrà in champions league tra Fiorentina e Roma avrà dei GROSSI problemi anche a sorpassare il preliminare. Entrambe le squadre hanno bisogno di rinforzi e pensare di affrontare il Barcellona o il Lione in queste condizioni è difficile. Ad entrambe manca la possibilità di fare turn-over e se ora siamo a lottare per una piazzamento importante lo dobbiamo anche al fatto che non abbiamo avuto grandi impegni a livello europeo (la stessa Roma ha ampiamente preso sottogamba la coppa uefa).

A questo punto non resta che goderci le ultime sei parite di campionato e...."che vinca il migliore".

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: