La Juve parte in quinta!

Titolo forse un po' scontato ma sacrosanto per salutare il brillante debutto della Juve in questo affascinante campionato di Serie A: 5 gol al Livorno e 3 punti subito in saccoccia per la banda di Ranieri. Risultato forse troppo generoso per i bianconeri, contro una squadra quadrata ma estremamente fragile che ha avuto sicuramente il merito di scendere sul prato dell'Olimpico di Torino senza eccessivi timori reverenziali.
Partenza timida dei padroni di casa, nuovi per 5 undicesimi; la Juve però acquista subito le redini del gioco e cresce in sicurezza nel reparto arretrato. Tavano e Rossini pungono poco e così intorno alla mezz'ora sono i bianconeri ad andare in vantaggio: cross di Del Piero e incornata di Trezeguet su cui nulla può l'incolpevole Amelia.

Partita corretta ben gestita dal giovane Gava che si trascina fino alla fine della prima frazione senza acuti particolari: ottimi Nocerino, Chiellini e Zanetti, quest'ultimi due brillanti per l'intero match a differenza del napoletano. Nella ripresa la Juve parte bene ma dopo poco si spegne e i labronici alzano il baricentro: è soprattutto Tristan, subentrato a Tavano, a favorire la manovra degli ospiti. Ranieri quindi toglie uno stanco Del Piero e inserisce Iaquinta che corre, sgomita e si guadagna un rigore per un fallo ai suoi di danni di Grandoni: lo batte proprio lui che fa 2-0 e segna il suo primo gol con la sua nuova maglia.
Il Livorno si sfilaccia e così gli spazi diventano maggiori; il match si trascina alla fine ma dall'86' in poi succede il botto: prima Iaquinta fa il terzo gol deviando fortunatamente un tiro di Nedved, poi Trezeguet fa poker di sinistro concludendo un contropiede ben condotto dall'ex udinese, quindi ancora il francese fa cinquina con un tacco sulla linea di porta.
Orsi sconsolato si gratta il capo e proprio al 94' arriva il gol della bandiera: lo realizza Loviso, forse il migliore degli amaranto, che scaglia un bel tiro da fuori area alla destra di Buffon. Avvio col botto dunque ma, attenzione, il risultato non deve far esaltare troppo la troupe bianconera: tanto possesso ma a volte poca incisività (fino al crollo finale del Livorno). Ma se il buongiorno si vede dal mattino...

  • shares
  • Mail
44 commenti Aggiorna
Ordina: