Milan: ricomincio da Kakà

Buona la prima del Milan

Poco rispettoso questo Milan, che non si comporta da buon ospite, rovinando la festa del ritorno in serie A al Genoa e ai suoi tifosi, dopo 12 anni di lunga attesa. Con la curva riservata agli ospiti, malinconicamente vuota, il Marassi offre una cornice tutta rossoblu a questa partita vissuta con grande emozioni dai supporter genoani. Tutto troppo facile per i Campioni d'Europa, ai quali basta un tempo per imporre la legge del più forte. Massimo Ambrosini, gratificato dai gradi di capitano apre le danze con un bel colpo di testa innescato da Andrea Pirlo e porta in vantaggio i rossoneri. Poi è il turno di Kakà.
Il candidato numero uno alla conquista del prossimo Pallone d'Oro, prima appoggia facile facile tra le gambe del portiere avversario e poi, un minuto dopo trasforma un calcio di rigore, assegnato generosamente da Saccani per presunto atterramento di Gilardino (insufficiente).
3-0 e tutti a casa.
Il secondo tempo è accademia, per un Milan che controlla agevolmente senza rischiare praticamente nulla e risparmiando energie in vista della Supercoppa Europea, in palio a Monaco questo venerdi contro un tosto Siviglia.
Una nota negativa, l'infortunio di Ambrosini, tanto bravo quanto fragile, incapace di fare tre partite consecutive senza farsi male.
Il Genoa potrà far bene, la mentalità è quella giusta. La squadra di Gasparini gioca in modo offensivo e non si è snaturata nemmeno contro i rossoneri.
Questa volta è andata male, ma non tutte le domeniche l'avversaro saranno i Campioni d'Europa.
Bentornato Grifone!

Foto | Goal.com

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: