Il sorteggio di Bergamo e Pairetto? Non era truccato

I due ex-designatori Paolo Bergamo e Pierluigi PairettoE' arrivata la prima sentenza di un Tribunale non sportivo sulla vicenda di Calciopoli e l'esito ribalta sorprendentemente una delle "grandi verità" date per acquisite dall'opinione pubblica e dai mezzi d'informazione dopo l'inchiesta dei Pm di Napoli Beatrice e Narducci.

Chiunque scriva o dica che il sorteggio arbitrale, al quale era affidata la designazione finale dei Direttori di Gara nell'era Bergamo-Pairetto, era truccato è passibile di una condanna per diffamazione. Proprio così. Secondo la Corte d'Appello del Tribunale di Roma sostenere che il sorteggio fosse truccato "offende la reputazione e l'onorabilità" di Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto.

Per questo motivo Gianfranco Teotino, che all'epoca lanciò proprio queste accuse sul settimanale Rigore e sul quotidiano La Stampa, è stato condannato al pagamento di mille euro di multa più le spese processuali a seguito della denuncia dei due ex Designatori.
Teotino, ieri giornalista d'assalto anti-juve oggi vice-direttore di Tuttosport, ultima trincea del giornalismo sportivo di simpatie juventine (viva la coerenza), era stato uno dei grandi accusatori del cosiddetto "sistema moggi", ma da oggi dovrà rivedere l'opinione secondo la quale il sorteggio arbitrale era "truccato", "pilotato" o in qualunque modo "alterato".

In attesa che i tempi biblici dell'inchiesta napoletana (un anno dagli Avvisi di Garanzia alla comunicazione di chiusura delle indagini) consentano di andare in un Tribunale a discutere nel merito le accuse che l'estate scorsa travolsero la Juventus e colpirono Fiorentina, Milan e Lazio, l'unico e il primo pronunciamento "non sportivo" pende dalla parte di Luciano Moggi e di due esponenti di punta della presunta "copula".

Comunque la si pensi in merito l'unica cosa che appare certa è che risulta più facile pronosticare con successo il risultato, i marcatori e il minuto del primo gol del Derby di domani che indovinare quanti anni si dovranno attendere per una verità processuale certa e definitiva su Calciopoli.

  • shares
  • +1
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: